Venerdì 12 aprile 2024, ore 17:06

Industria

Ex Ilva: a Novi Ligure insediato un tavolo permanente

Il tavolo di crisi permanente sulla crisi dell’ex Ilva si è insediato pochi giorni fa a Novi Ligure, il comune alessandrino che ospita il più grande dei tre stabilimenti del gruppo in Piemonte. L’atto ufficiale è stato sancito da regione, enti locali e sindacati in un incontro che si è svolto al museo dei Campionissimi della città, alla presenza del presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, dell‘assessore regionale al Lavoro Elena Chiorino, dei sindaci dei Comuni di Novi Ligure e Racconigi, Rocchino Muliere e Valerio Oderda, e dei segretari generali di Cgil e Cisl Piemonte, Giorgio Airaudo e Luca Caretti, accompagnati dai rappresentanti territoriali di Cgil Cisl Uil, delle federazioni Fim Fiom Uilm e delle rsu aziendali.
“Quella dell’Ilva - ha detto il presidente della Regione, Alberto Cirio, aprendo il vertice - è una crisi che non riguarda solo Taranto, ma è di portata nazionale e in Piemonte coinvolge 3 mila lavoratori, tra quelli diretti e quelli dell’indotto. Dobbiamo, quindi, tenere alta l’attenzione e lavorare insieme al governo per salvaguardare e rilanciare un settore strategico non solo per il nostro Paese, ma anche per questa regione. Per questo motivo abbiamo deciso di insediare a Novi Ligure un tavolo di crisi permanente che è già riconvocato per la prima settimana di marzo ed è pronto a riunirsi nel caso in cui ci siano sviluppi a livello nazionale”. 
In questa settimana sarà invece convocato un tavolo tecnico in Regione per valutare le questioni relative agli ammortizzatori sociali. “Stiamo lavorando - ha aggiunto l’assessore regionale al Lavoro, Elena Chiorino - per dare garanzie di sicurezza ai lavoratori con gli ammortizzatori, purché siano finalizzati al tempo necessario a lavorare allo sviluppo e al rilancio di tutta Ilva. Il territorio piemontese è in prima linea e pronto a fare la sua parte con tutte le misure che potremo mettere a disposizione”.
Nello stabilimento di Acciaierie d’Italia di Novi Ligure lavorano circa seicento persone, senza contare manutentori, autotrasportatori, addetti alle mense e alle pulizie. Dal 2019 ad oggi i dipendenti della fabbrica novese sono scesi di circa 130 unità, passando da 720 a 590: il 15% della forza lavoro. L’utilizzo della cassa integrazione è sempre più consistente. L’accordo sugli ammortizzatori sociali in fabbrica, sottoscritto da Fim e Fiom territoriali e in scadenza il prossimo 17 marzo, prevede la rotazione fino a un massimo di 155 lavoratori al giorno, con una media mensile per ogni lavoratore di circa 60 ore. Anche nella fabbrica di Racconigi, nel cuneese, che è il secondo sito piemontese della ex Ilva, i lavoratori sono scesi da 150 dipendenti del 2018 agli attuali 80. A Gattinara, in provincia di Vercelli, sono a rischio un centinaio i dipendenti della Sanac, controllata dalla ex Ilva, cui dedica circa il 75% della sua produzione”.
“I lavoratori degli stabilimenti piemontesi della ex Ilva - ha detto il segretario generale della Cisl Piemonte Luca Caretti, intervenendo all’incontro di Novi Ligure - stanno dimostrando grande senso di responsabilità in un momento molto delicato per l’azienda. Vogliono lavorare e produrre e non usufruire della cassa integrazione. In questa fase di grande incertezza per il futuro della ex Ilva, il gioco di squadra che si sta facendo tra istituzioni e sindacati locali deve servire a rimanere ben agganciati al tavolo nazionale aperto a Roma tra governo e sindacati. Non è ammessa, quindi, nessuna fuga in avanti verso progetti diversi o piani B sullo stabilimento di Novi Ligure. Bene quindi il tavolo di crisi permanente sulla ex Ilva inaugurato nella città alessandrina”.
Rocco Zagaria

( 12 febbraio 2024 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Nel “Discorso sul metodo” Cartesio non fissa solo sul modello delle matematiche i principi del conoscere ma anche quelli della morale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un romanzo fatto di antieroi

Marco Lodoli torna in libreria con il suo nuovo attesissimo romanzo. Ambientato in un Liceo di periferia, la storia narra di una bidella che si innamora perdutamente del nuovo professore di Lettere

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Piero della Francesca. Il polittico agostiniano riunito

In mostra al Museo Poldi Pezzoli-Milano, per la prima volta nella storia, otto tavole provenienti da cinque musei internazionali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it