Venerdì 12 aprile 2024, ore 17:43

Industria

Ex Ilva: ora sarà necessario mantenere l’azienda attiva

Ora sarà necessario mantenere l’azienda attiva”. Così Roberto Benaglia, segretario generale Fim Cisl dopo l’incontro col Governo sull’ex Ilva tiene a sottolineato che “il commissario sarà chiamato a prendere gli impianti e a preparare un piano di attività, ma occorrerà vedere le condizioni degli impianti”. Dal tavolo con i sindacati una sola certezza: Acciaierie d’Italia va verso l’amministrazione straordinaria ma si prospetta un duro scontro con Arcelor Mittal, secondo cui così c’è “una grave violazione dell’accordo di investimento”. Intanto il governo lavora per definire tempi e modi dell’operazione. “Nei prossimi giorni il ministero procederà alla nomina dei commissari per Acciaierie d’Italia e ci sarà la presa in carico dell’azienda per garantire la continuità e dare rilancio” ha preannunciato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Alfredo Mantovano. “Si partirà da un solo commissario - ha assicurato il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso - con una gara nel minor tempo possibile perché si sono affacciati numerosi investitori italiani e stranieri”. La scelta dei commissari - assicura il Governo - ricadrà su figure che abbiano una professionalità e una competenza specifica nel settore siderurgico e una conoscenza diretta degli impianti. L’esecutivo ha, inoltre, confermato che il tavolo di confronto rimarrà attivo fino alla conclusione della vicenda dell’ex Ilva. 

Preoccupati per la manutenzione che non si è fatta i sindacati hanno chiesto che siano messi nelle mani del commissario rapidamente i 320 milioni di prestito ponte. “Non sarà facile mettere in piedi una attività che faccia reddito - ha ribadito Benaglia -. Abbiamo garantito la nostra collaborazione per incontrare, appena nominato, il commissario e abbiamo anche chiesto al Governo di correggere il decreto sull’indotto per migliorare le misure di protezione dei lavoratori e che ci siano più settimane di cassa integrazione”. Al riguardo il Governo ha illustrato i provvedimenti presi a tutela dei lavoratori a partire dalla cassa integrazione già garantita per tutto il 2024 informando che il decreto legge “Disposizioni urgenti a tutela dell’indotto delle grandi imprese in stato di insolvenza ammesse alla procedura di amministrazione straordinaria”, in fase di conversione in Parlamento, è suscettibile di ulteriori miglioramenti per garantire la continuità produttiva e aziendale dell’ex Ilva.

All’indomani dell’incontro a Palazzo Chigi le associazioni datoriali  Fai Conftrasporto, Casartigiani, Confartigianato rimarcano la preoccupazione per la sopravvivenza delle imprese dell’indotto e  ricordano che il loro stato di salute è ormai ai minimi storici. “Più volte è stato richiesto di far fronte comune, specialmente e soprattutto per il comparto dell’autotrasporto - affermano -. Proposte disattese, dal momento in cui i decreti legge emanati dal governo non corrispondevano alle esigenze del comparto che, ad oggi, resta la categoria più debole dell’indotto, viste le caratteristiche del servizio che prevede l’anticipazione dei costi pari all’80%”. Le associazioni chiedono che la vertenza abbia respiro nazionale e sollecitano l’istituzione di un fondo ad hoc per dare ossigeno alle imprese, la sospensione del pagamento degli oneri previdenziali e contributivi oltre che dell’Iva allo scopo di garantire il durc alle imprese. La strada è dunque oramai tracciata per il futuro dell’ex Ilva, ma i timori rimangono: “L’amministrazione straordinaria è un salto critico, problematico - ribadisce e conclude il segretario generale Fim, Roberto Benaglia - vogliamo dal governo la certezza di un percorso che non faccia affondare ulteriormente l’azienda”.

Sara Martano
 

( 20 febbraio 2024 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Nel “Discorso sul metodo” Cartesio non fissa solo sul modello delle matematiche i principi del conoscere ma anche quelli della morale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un romanzo fatto di antieroi

Marco Lodoli torna in libreria con il suo nuovo attesissimo romanzo. Ambientato in un Liceo di periferia, la storia narra di una bidella che si innamora perdutamente del nuovo professore di Lettere

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Piero della Francesca. Il polittico agostiniano riunito

In mostra al Museo Poldi Pezzoli-Milano, per la prima volta nella storia, otto tavole provenienti da cinque musei internazionali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it