Giovedì 2 luglio 2020, ore 17:28

Quotidiano di informazione socio‑economica

La crisi

Nuovi scenari per Pernigotti

di Silvia Boschetti

Segnale positivo nella vertenza Pernigotti. Da oggi la strada da seguire è quella della reindustrializzazione dello storico stabilimento produttivo di Novi Ligure (Alessandria) noto per la produzione di gianduiotti e cremini. L’intesa arriva nella notte e raccoglie le richieste del governo di sospendere la cassa integrazione per cessata attività fino al 31 dicembre. Tirano dunque un sospiro di sollievo i cento dipendenti di Novi Ligure e l’indotto dell’azienda, che occupa 130 interinali. Un esito scaturito dal confronto tra il premier Giuseppe Conte, il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio e il proprietario turco Zafar Toksoz. A questo punto, per garantire gli ammortizzatori sociali ai dipendenti, l’azienda procederà con la richiesta di cassa integrazione con causale di reindustrializzazione. Da Palazzo Chigi comunicano inoltre che a valutare le ”opportunità produttive” sarà un ”soggetto terzo” di prossima nomina. Ancora nessuna novità, invece, rispetto alla cessione del marchio da parte dei Toksoz. Per i dipendenti resta perciò la preoccupazione e continua lo sciopero cominciato il 6 novembre dopo il fatidico annuncio di chiusura e licenziamenti. Inoltre si farà comunque la marcia a sostegno della vertenza prevista per il prossimo 1 dicembre. Uno spiraglio accolto con prudenza dai lavoratori che presidiano l’azienda. ”Vogliamo tutto scritto nero su bianco e vogliamo che sia indirizzato direttamente a noi”. Ribadisce Luca Patelli, uno dei portavoce dei dipendenti della Pernigotti.

Approfondimento su Conquiste Tabloid

( 27 novembre 2018 )

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it