Sabato 28 maggio 2022, ore 18:21

Breaking News

Vertenze

Speedline fa dietrofront sulla chiusura del sito veneziano

È stata ritirata la decisione della multinazionale svizzera Ronal di chiudere lo stabilimento Speedline di Santa Maria di Sala, in provincia di Venezia. Possono tirare un sospiro di sollievo - almeno per il momento - gli oltre 800 lavoratori tra diretti, somministrati e dell’indotto dell’azienda produttrice di cerchioni in lega per auto sportive e di lusso, la cui proprietà nei mesi scorsi aveva annunciato la chiusura a causa di “risultati sempre più negativi e non più sostenibili”. L’annuncio del cambio di rotta è stato dato dall’amministratore delegato del gruppo lo scorso 7 gennaio al termine dell’incontro con Rsu e sindacati convocato dal Mise per la vertenza. 

“Lo abbiamo ribadito con forza e determinazione - affermano il segretario generale della Fim Ferdinando Uliano e il leader della Fim di Venezia Matteo Masiero -: per noi era necessario decidere la revoca della decisione di chiusura dello stabilimento di Speedline, bloccare le campionature in corso e aprire una fase di analisi e valutazione della situazione aziendale al fine di individuare soluzioni che abbiano al centro la salvaguardia occupazionale e industriale”. 
Il sindacato si è sempre dichiarato disponibile a ricercare tutte le soluzioni in grado di migliorare efficienza e competitività del sito veneziano. “L’azienda - spiegano i due rappresentanti della Fim - dopo aver richiesto una sospensiva per valutare le nostre richieste, ha espresso al tavolo la propria decisione di revocare la scelta di chiusura e ha ribadito che la fase di discussione per trovare soluzioni alternative dev’essere fatta in tempi brevi. L’azienda si è inoltre impegnata a bloccare le nuove campionature e a fornire la lista di quelle che erano in corso presso i clienti”. 

Mentre appare sempre più evidente la necessità della ripartenza di un tavolo del governo per affrontare la crisi del settore dell’automotive, secondo la Fim Cisl sulla salvezza di Speedline oggi ci sono le condizioni per aprire una trattativa seria, “senza avere pregiudiziali come la decisione presa dalla direzione aziendale di chiudere lo stabilimento. Abbiamo la consapevolezza che la vertenza non è finita e tutti i pericoli potrebbero ripresentarsi, ma da oggi tutte le parti sindacali e istituzionali possono lavorare per ricercare le soluzioni industriali con l’obiettivo di salvare l’azienda e l’occupazione”.

In prima linea ci sono anche i sindaci di Santa Maria di Sala e della Città metropolitana, rispettivamente Nicola Fragomeni e Luigi Brugnaro. “La revoca della chiusura - afferma Fragomeni - è il punto di partenza che tutti, operai, sindacato, enti locali e categorie volevamo, e che ci consentirà adesso di aprire un tavolo tecnico di confronto con la proprietà per cercare ogni tipo di soluzione che possa portare a preservare i posti di lavoro. Siamo arrivati a questo risultato grazie soprattutto alla compattezza dimostrata da questo territorio e alla regia del sindaco della Città metropolitana, che fin da subito ha riunito tutte le parti coinvolte in questa vertenza consigliando di agire in maniera unitaria e senza fughe in avanti”. Soddisfatta anche Elena Donazzan, l’assessore al lavoro del Veneto. “La Regione - spiega - svolgerà un ruolo fondamentale nel prossimo periodo. I prossimi incontri sul futuro dell’azienda si terranno in sede regionale, in accordo con il Mise e con le parti nazionali”.

Federica Baretti

( 10 gennaio 2022 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La crisi delle edicole è la stessa della carta stampata e prosegue man mano che avanza la smaterializzazione indotta dall’innovazione digitale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Un percorso emozionale nell’arte del Novecento

 Attraverso il nuovo allestimento dal titolo “Vedo rosso”, promosso dalla Collezione Giancarlo e Donna Olgiati nella sua sede di Lugano

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

La filosofia per i bambini

Si approccia la filosofia facendo capire al bambino che i temi filosofici sono per la maggior parte legati all’esistenza stessa, alla quotidianità

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it