Lunedì 8 marzo 2021, ore 13:36

Quotidiano di informazione socio‑economica

Lavoro

Whirlpool non va dimenticata lavoratori attendono risposte

Incontro positivo oggi per la vertenza Whirlpool, al ministero dello Sviluppo, in concomitanza con il presidio dei lavoratori. 
"Il ministro - fa sapere Roberto Benaglia leader Fim Cisl - si è già impegnato a riconvocarci per ridare lavoro e reindustrializzare Napoli". E infatti già domanii i tre segretari generali di Fim, Fiom e Uilm saranno di nuovo al Mise per incontrare Giorgetti, stavolta su Ilva". 
E la leader Cisl, Annamaria Furlan, dai microfoni di Rai news 24, ha ricordato che "è il lavoro a dare dignità alle persone, il senso vero della cittadinanza e partecipazione. Abbiamo da anni vertenze aperte - aggiunge - sono tante e non risolte. 
E' un dato su cui riflettere e agire, vale per Embraco e Alitalia e vale per Ilva. Chiediamo un calendario molto chiaro rispetto a tutte le vertenze che giacciono sul tavolo del ministero da troppo tempo. Il Mise si deve impegnare e dotare di competenze e professionalità - conclude Furlan - per portare soluzioni".
Ogni posto di lavoro legale nel Mezzogiorno è un presidio di legalità che sottrae manodopera alla malavita organizzata. Per questo la scelta di Whirlpool di chiudere il sito di Napoli è estremamente grave. Questo drammatico risvolto sociale si somma anche alla pesante inadempienza della multinazionale americana rispetto agli accordi firmati con l’organizzazione sindacale e il Mise nel 2015 e 2018 dove si impegnava ad investire nei 7 stabilimenti italiani 800 milioni di euro e la garanzia del mantenimento occupazionale. Dal giugno 2019 ad oggi si è assistito ad continuo rimpallo di responsabilità tra la politica e l’azienda. Il gruppo nel 2020 ha avuto, inoltre - riprende Benaglia - ottimi risultati nelle vendite e nella performance reddituali, anche grazie agli accordi sottoscritti con Fim, Fiom e Uilm e il Mise. In alcuni stabilimenti i piani d’investimento sono stati realizzati al 50-60% senza però coinvolgere in minima parte il sito di Napoli.
"Bisogna riprendere da subito il bandolo della matassa di una vertenza partita venti mesi fa", intervengono anche Raffaele Apetino e Biagio Trapani, segretari generali di Fim Cisl Campania e Napoli.
"E’ necessario non perdere più un minuto di tempo - aggiungono i sindacalisti - anche perchè gli ammortizzatori sociali scadono il 31 marzo e l'azienda ha già annunciato i licenziamenti per tutti i 357 lavoratori del sito di Napoli".
"Il governo - concludono Apetino e Trapani - deve assolutamente prorogare il blocco dei licenziamenti oltre il 31 marzo e utilizzare parte delle Risorse del Recovery Fund per difendere il tessuto industriale, il lavoro in Campania e in particolare a Napoli".
 

Cecilia Augella

( 8 marzo 2021 )

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

8 Marzo

Furono le migliori

Pittrici tra libertà e restaurazioni. Nella storia dell’arte, le omissioni di grandi talenti femminili, ha condizionato la cultura di giovani e non

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

8 Marzo

Parità e rispetto

Dovrebbero essere festeggiate ogni giorno, come da inizio Novecento accade formalmente l’8 marzo, in una ricorrenza carica di significati e dalle radici tragiche

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

8 Marzo

Un viaggio al femminile

Mudec Podcast apre le trasmissioni simbolicamente l’8 marzo, con “10 x 10”, le biografie di grandi fotografe

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it