Giovedì 1 dicembre 2022, ore 7:53

Lavoro

Zara e le altre: nessun accordo sull’integrativo

Stato di agitazione dei lavoratori del gruppo ITX Italia (che associa le insegne Zara, Zara Home, Stradivarius, Pull & Bear, Oysho, Bershka e Massimo Dutti) con otto ore di sciopero a livello territoriale e regionale e ulteriori otto ore di sciopero che verranno presto definite a livello nazionale. 
Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs hanno dichiarato la mobilitazione, per la mancanza di un accordo sul nuovo contratto integrativo aziendale. 
I rappresentanti dei lavoratori "denunciano un atteggiamento di chiusura dell'azienda a tutte le proposte presentate oltre un anno fa e relative alla conferma delle commissioni concordate all'atto delle assunzioni e all'aumento dei buoni pasto dagli attuali 5 euro a 8 euro". "Il punto di rottura - affermano i sindacati -si è manifestato nella volontà dell'azienda (che per fatturato, nel settore, è al terzo posto nel mondo) di andare a riformulare le attuali commissioni, retribuzioni che dopo 15 anni risultano sostanzialmente acquisite nella parte retributiva, con un premio variabile calcolato una parte sul conto economico dell'anno precedente (denominato "storico") e un'altra parte sul budget annuale. 
Questa proposta verrebbe compensata con l'inserimento di un piano welfare differenziato tra addetti part-time e full-time e tra insegna ed insegna". 
Nel corso dell'ultimo incontro, l'azienda ha inoltre dichiarato di essere impossibilitata a concedere forme di premialità e qualsiasi altra forma economica (come i bonus sino a 600 euro per il caro bollette del DL Aiuti-Bis) a causa del mancato rinnovo del contratto nazionale di lavoro di Federdistribuzione, scaduto ormai nel 2019, attrice principe di quella negoziazione. "Siamo stanchi di tutte le variabili eventuali e negative portate al tavolo dall'azienda - conclude la nota dei sindacati - quando anche per il 2022 una reale redistribuzione del reddito e dei profitti d'impresa verrà attuata solamente tra le figure apicali".
Ce.Au. 

( 21 novembre 2022 )

Mostre

De Chirico a Bologna: barocco e neometafisico

De Chirico supera i limiti dello sguardo, della logica e della ragione perché l’arte possa diventare “immortale”

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

La Pradella della Pala Oddi

Realizzata per l’altare della famiglia Oddi nella chiesa di San Francesco al Prato, tra il 1502 e il 1504, è una delle tre importanti commissioni che il giovane Raffaello, non ancora ventenne, riceve a Perugia

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Ennio Flaiano se n’è andato 50 anni fa, e il vuoto che lascia si allarga in maniera direttamente proporzionale all’inadeguatezza della congerie pseudoculturale che imperversa da allora. Peccato per chi è venuto dopo, che un Flaiano non l’ha più avuto

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it