Mercoledì 5 agosto 2020, ore 15:07

Quotidiano di informazione socio‑economica

Cronaca

Esplosione a Catania, morti due vigili del fuoco

Si sono aggravate nella notte le condizioni di uno dei due vigili del fuoco ricoverati nel reparto di rianimazione dell'ospedale "Garibaldi" di Catania, a seguito dell’esplosione avvenuta ieri all'interno di una palazzina di via Garibaldi, nel quartiere ""Il fortino"". Nella deflagrazione, verificatasi attorno alle 8 di sera, sono morti due vigili del fuoco e un artigiano dalla cui bottega si è sprigionata la fuga di gas letale. Grande mestizia tra i colleghi delle due vittime, Giorgio Grammatico e Dario Ambiamonte, deceduti all'ospedale "Vittorio Emanuele". L’artigiano, il cui corpo è stato dilianiato dallo scoppio, è il settantenne Giuseppe Longo, proprietario di una piccola officina per bici. Restano critiche, ma non e' in pericolo di vita, le condizioni dell'altro pompiere, Marcello Tavormina, 38 anni, che ha riportato un trauma cranico.

Cordoglio alle famiglie delle vittime è stato espresso da tutte le istituzioni.

In un tweet, la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, esprime "solidarietà e vicinanza della Cisl ai cittadini di Catania ed ai Vigili del Fuoco che hanno perso la vita in questa tragedia assurda che addolora tutti. La sicurezza - aggiunge - è una questione nazionale su cui non bisogna mai abbassare la guardia. Il Corpo dei Vigili è nel cuore di tutti gli italiani".

Sotto shock soprattutto i collegi dei due Vigili del Fuoco. Al loro dramma dà voce il segretario generale della Fns Cisl, Pompeo Mannone. "Il bilancio devastante di tre morti di cui due Vigili- dice - è impossibile da accettare, altri due colleghi poi sono in gravi condizioni. E' una tragedia che ci addolora profondamente e ci lascia sgomenti". "In questo momento - conclude Mannone - non possiamo che essere vicini ai familiari delle vittime ed a tutti i colleghi del Comando di Catania che saranno sconvolti per quanto è tragicamente accaduto".

Secondo una prima ricostruzione, i vicini hanno segnalato il forte odore di gas e sul posto, in via Garibaldi, nel centro storico, il cosiddetto 'Fortino', si e' recata una squadra di vigili del fuoco composta da cinque persone. I pompieri avrebbero utilizzato una motosega per tagliare il catenaccio e quando l'attrezzo ha toccato la catena si sarebbe verificata l'esplosione che ha investito in pieno quattro vigili del fuoco. Un quinto, rimasto illeso, e' sotto choc. Drammatiche le testimonianze: "Abbiano sentito un boato. Pensavamo fosse una bomba", raccontano i vicini dell'anziano carbonizzato. "Ho creduto fosse un attentato - ha detto un negoziante - ho avuto paura, ero terrorizzato e non sono riuscito a lasciare il mio negozio. Ho pensato a un attentato".

(Approfondimento domani su Conquiste Tabloid)

( 21 marzo 2018 )

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it