Venerdì 12 aprile 2024, ore 17:03

Cortei 

Scontri di Pisa, fare subito luce 

Siamo di fronte solo a casi isolati in corso di valutazione ”e non è mai intervenuto alcun cambio di strategia in senso più restrittivo della gestione dell'ordine pubblico”. Così ha detto il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi incontrando ieri mattina i vertici dei sindacati confederali a proposito dei fatti di Pisa. Peraltro, ha ricordato Piantedosi, ”negli scorsi anni sono avvenuti accadimenti analoghi con incidenti ancor più gravi”. Il titolare del Viminale ha ribadito massima fiducia nelle forze di polizia sottolineando al tempo stesso di ”condividere pienamente le parole del presidente Mattarella”, convinto che ”l'autorevolezza delle forze di Polizia non si nutre dell'uso della forza ma affonda nel sacrificio di centinaia di caduti nella lotta al terrorismo e alla criminalità, nella leale difesa delle istituzioni democratiche anche negli anni più bui della Repubblica, nella capacità di accompagnare con equilibrio e professionalità lo sviluppo della società italiana”. Piantedosi richiama anche l’altro richiamo precedente del Presidente della Repubblica contro la ”intollerabile serie di manifestazioni di violenza: insulti, volgarità di linguaggio, interventi privi di contenuto ma colmi di aggressività verbale, perfino effigi bruciate o vilipese”.
Da parte sua la segretaria generale aggiunta della Cisl Daniela Fumarola ha chiesto si faccia luce sull’accaduto. ”Il Ministro ci ha garantito che ci sono già procedimenti in atto per individuare le responsabilità. Abbiamo anche ribadito di aver fatto nostre le parole del presidente della Repubblica e della condanna dell'episodio di Pisa da parte della nostra organizzazione”. Aggiunge Fumarola: ”Ai giovani bisogna assolutamente trasferire modelli e valori positivi, non violenti, perché non devono pensare che un diritto costituzionalmente previsto non possa essere esercitato”. Dunque, ”le responsabilità vanno individuate, chi ha sbagliato deve pagare per quelle ferite inferte ai ragazzi, per il nostro Paese. Le forze dell'ordine sono un presidio fondamentale, lavorano spesso in condizioni difficili e sotto organico, ma ci mettono passione, impegno e professionalità”. Necessaria allora una valutazione su ”come cercare di tutelare le persone che lavorano rinnovando contratti, mettendo a disposizione percorsi di formazione e riqualificazione, cercando di dotarli di strumenti che li mettono in condizione di lavorare serenamente”.
Gli accertamenti fatti sugli scontri di Pisa si sono concentrati sulla condotta della catena di comando in servizio venerdì scorso, in base all'analisi dei video già esaminati dai carabinieri. Al centro delle valutazioni dell'autorità giudiziaria c'è soprattutto questo aspetto, ossia di chi ha preso le decisioni e in particolare per capire chi abbia dato l'ordine di caricare con veemenza. Pur mantenendo il massimo riserbo sulla vicenda, da ambienti giudiziari trapela la volontà di procedere speditamente anche per ripristinare quanto prima un clima di serenità in città dopo le polemiche. Del resto sono stati proprio Cgil, Cisl e Uil a riferire che nell'incontro avuto sabato scorso in prefettura con prefetto, questore e sindaco, oltre ai comandanti di carabinieri e guardia di finanza, è stato lo stesso questore ad ammettere ”un problema di gestione della piazza, dal punto di vista organizzativo e operativo, a suo avviso causato dal fatto che non erano chiari gli obiettivi del corteo”.
E si guarda con preoccupazione ai prossimi eventi di piazza. Il rischio concreto è l'aumento delle tensioni e dei disordini, con il conflitto israelo-palestinese sempre caldo. Anche per questo al Dipartimento della pubblica sicurezza si ragiona su come abbassare la temperatura in strada. anzitutto a livello preventivo.
Giampiero Guadagni

( 26 febbraio 2024 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Nel “Discorso sul metodo” Cartesio non fissa solo sul modello delle matematiche i principi del conoscere ma anche quelli della morale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un romanzo fatto di antieroi

Marco Lodoli torna in libreria con il suo nuovo attesissimo romanzo. Ambientato in un Liceo di periferia, la storia narra di una bidella che si innamora perdutamente del nuovo professore di Lettere

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Piero della Francesca. Il polittico agostiniano riunito

In mostra al Museo Poldi Pezzoli-Milano, per la prima volta nella storia, otto tavole provenienti da cinque musei internazionali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it