Lunedì 22 luglio 2024, ore 11:05

L'emergenza  

Sicurezza sul lavoro, l'allarme dei sindacati sale al Quirinale 

Una emergenza nazionale che va affrontata con una strategia unitaria e con opportuni provvedimenti straordinari. Il dramma delle morti sul lavoro, i tantissimi infortuni e malattie professionali ha ormai assunto in Italia dimensioni inaccettabili. Sergio Mattarella ne è consapevole e non perde occasione per sensibilizzare politica, imprese ed opinione pubblica. Martedì mattina il Presidente della Repubblica ha ricevuto al Quirinale i segretari generali della Cgil, Maurizio Landini, della Cisl, Luigi Sbarra, e della Uil, Pierpaolo Bombardieri. L'incontro era stato chiesto dai leader sindacali il 13 settembre scorso, per consegnare e illustrate le proposte contenute nella piattaforma unitaria.
Sbarra parla di ”incontro di assoluto valore, importante e significativo. Abbiamo rappresentato al Presidente della Repubblica tutta la nostra gratitudine per la costante attenzione ai temi dell'occupazione e per i ripetuti appelli che evidenziano l'assenza, perdurante da molti anni, di azioni concrete da parte delle Istituzioni e delle Associazioni di Impresa”. Aggiunge Sbarra: ”È necessario investire sul tema della garanzia della salute e della sicurezza in ogni luogo di lavoro attraverso la piena applicazione delle norme legislative e contrattuali, rafforzando l'esercito di ispettori e medici del lavoro, elevando la qualità del coordinamento tra soggetti, incrementando le pene per il lavoro irregolare, nero e grigio. Occorre istituire un rating sociale d'impresa legato agli appalti e rilanciare gli investimenti su formazione e prevenzione; sviluppare nuove forme di partecipazione che diano ai delegati dei lavoratori maggiori poteri decisionali e di controllo. Troppe tragedie sono determinate dall'insufficienza di controlli ed ispezioni nelle aziende e dalla volonta' di ridurre i sistemi di sicurezza per accelerare i tempi e risparmiare sul lavoro, anche attraverso gli appalti con il massimo ribasso”.
Per il leader della Cisl ”diventa urgente sollecitare tutte le istituzioni ad ogni livello, gli enti e le amministrazioni preposte ai controlli, il sistema delle imprese a mettere al primo posto l'obiettivo di azzerare infortuni e morti nei luoghi di lavoro anche promuovendo maggiore cultura partecipativa nelle aziende ed una più fiere responsabilità sociale di impresa. Occorre intervenire per rafforzare le misure sanzionatorie e allo stesso tempo sostenere un grande intervento su formazione e prevenzione a partire dalla scuola”. Conclude Sbarra: ”Per finanziare una strategia nazionale di contrasto alle morti sul lavoro ed agli infortuni, le risorse possono essere anche rinvenute dal tesoretto Inail collegato all'avanzo finanziario che ogni anno viene assorbito dalla contabilità dello Stato per coprire il debito pubblico. Sono risorse delle imprese e dei lavoratori che devono essere totalmente impegnate per migliorare rendite e protezione sociale e anche per investimenti, ricerca, prevenzione, assunzioni, maggiore presidio territoriale”.
Da parte sua Bombardieri rimarca ”la mancata applicazione delle regole di prevenzione, che viene riscontrata sistematicamente sia in occasione dei controlli sia, spesso, dopo gli infortuni”. Su denunce e proposte ”allo stato attuale, non abbiamo ancora ricevuto risposte dal Governo”. E Landini rilancia: ”Troppe tragedie sul lavoro sono determinate dalla volontà di abbassare i sistemi di sicurezza per accelerare i tempi e risparmiare. E se la legislazione in merito non è sufficiente, le norme approvate da questo Governo a modifica del codice dei contratti pubblici, che prevedono la reintroduzione dell'appalto a cascata, nonché l'introduzione di ulteriore precarietà nei rapporti di lavoro, stanno peggiorando l'attuale condizione”.
Giampiero Guadagni

( 3 ottobre 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Gae Aulenti è stata una della principali protagoniste della storia dell’architettura e del design del Novecento

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

La ricerca della verità

“Chi dice e chi tace”, di Chiara Valerio, uno romanzo che sbaraglia molta pseudoletteratura lacrimosa 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Cinema

Simenon-Maigret e lo schermo

Fra i molti attori che hanno interpretato il commissario colui che più di tutti rispondeva all'ideale dello scrittore francese è stato, per sua ammissione, Gino Cervi

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it