Sabato 12 giugno 2021, ore 19:53

Quotidiano di informazione socio‑economica

2 agosto

Strage di Bologna, dopo 38 anni ancora “zone d’ombra”

A 38 anni dalla strage della stazione, Bologna si è nuovamente fermata. Come tutti gli anni Cgil, Cisl e Uil hanno dato vita ad un’iniziativa unitaria per commemorare le vittime. Un’iniziativa che serve a congelare il tempo e ad impedire che la memoria di quanto accaduto si disperda. Come il famoso orologio, fissato sulle 10 e 25, divenuto il simbolo di una tragedia che ha spezzato 85 vite innocenti. Il simbolo, come ha ricordato oggi il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, "di un dovere morale di vigilanza che è parte del nostro essere cittadini, di una incessante ricerca della verità che non si fermerà davanti alle opacità rimaste".

L’impegno a ricercare la verità è stato anche il filo rosso che ha caratterizzato tutti gli interventi istituzionali, dal ministro della Giustizia Bonafede al presidente della Camera Fico, al segretario del Pd Martina. Un impegno oggi richiesto nuovamente con forza dal presidente dell'Associazione dei familiari delle vittime della strage del 2 agosto, Paolo Bolognesi. Il rappresentante dei familiari delle vittime ha chiesto la piena applicazione della direttiva Renzi sulla desecretazione degli atti sulle stragi e della legge del 2004 sui risarcimenti per i parenti. Bolognesi ha poi ringraziato Bonafede (è la prima volta che un un ministro della Giustizia è intervenuto nel parlamentino bolognesi) spiegando che la sua presenza "è un segno di attenzione che i familiari delle vittime gradiscono". "Ci attendiamo risposte da lei e soprattutto che le cose promesse qui saranno mantenute. Se ci saranno fatti positivi - ha sottolineato il presidente dell'Associazione dei familiari - non avremo nessun problema nel dire che il governo ha lavorato bene. Ma se promesse non saranno mantenute lo diremo in modo pesante - ha concluso - così come abbiamo fatto con i suoi predecessori".

( Approfondimento domani su Conquiste Tabloid )

( 2 agosto 2018 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La notte è l’incubatrice dell’evoluzione antropologica. Come tale, acquisisce preminenza sulle modalità dell’articolazione umana in parallelo allo sviluppo tecnico e al mutamento dei costumi

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Maria Teresa l'Imperatrice

Una donna straordinaria

Una figura che ha segnato profondamente il suo secolo e ha lasciato importanti tracce non solo a Vienna, dove visse, ma in tutti i Paesi europei che ha governato. Maria Theresia Walburga Christina Amalia, nata nel 1717, figlia dell’Imperatore Carlo VI, salì al trono degli Asburgo, prima e unica donna, nel 1740, a soli 23 anni, e vi rimase fino alla morte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Zia Mame

Zelig al femminile

Sarebbe interessante indagare il motivo per cui un romanzo come "Zia Mame" sia riuscito a scalare la classifica dei libri più venduti in Italia sino alla prima posizione a averla mantenuta per quasi una intera estate alcuni anni fa. In un Paese, dove, occorre ricordarlo, la gente legge pochissimo, i più non comprano ormai nemmeno il giornale figurarsi se gli viene in mente di ficcare il naso dentro una libreria

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it