Mercoledì 23 settembre 2020, ore 5:48

Quotidiano di informazione socio‑economica

2 agosto 1980

Strage di Bologna, il grido dei familiari delle vittime

Tensioni alla commemorazione dei 37 anni dalla strage alla stazione di Bologna. L’associazione dei familiari delle vittime ha, infatti, lasciato l’aula del consiglio comunale prima che il ministro Gian Luca Galletti, in rappresentanza del Governo, prendesse la parola. “Non abbiamo niente contro Galletti - ha detto il presidente Paolo Bolognesi - ma rappresenta un governo scorretto”.

Poco prima il sindaco di Bologna, Virginio Merola, aveva esordito: “Oggi non ricordiamo solo il nostro dolore, che è stato tanto. Ma che questa città insieme ha saputo reagire e trasformare il dolore in un senso forte per la nostra democrazia. Ogni anno questa città prende la memoria e la trasforma in impegno civico. Come sindaco di questa bella città non permetteremo che si litighi tra noi”. Merola ha ricordato che “oggi c’è contrarietà tra noi e tocca al ministro Galletti per dovere istituzionale prendersi le critiche che inevitabilmente ci saranno. Facciamo queste critiche, consapevoli che vogliamo rafforzare le istituzioni del nostro Paese”.

Anche la Cisl di Bologna per voce del suo segretario generale Danilo Francesconi, via Twitter e Facebook, avverte: "Bologna e l'Italia non dimenticano" la strage che fece 85 morti e 200 feriti e bisogna "ascoltare il grido dei familiari delle vittime".

( 2 agosto 2017 )

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it