Venerdì 7 ottobre 2022, ore 11:09

Economia 

Dl aiuti: settimana decisiva 

Sprint finale per trovare un accordo sul superbonus. Per il decreto aiuti bis si apre una settimana clou, con il Senato e la Camera impegnati a votare il provvedimento. I tecnici del Mef sono al lavoro per trovare una mediazione sul bonus 110%, tenendo conto delle resistenze del M5s e dell’esigenza di evitare condoni. In ballo ci sono i 17 miliardi di sostegni per contenere gli effetti del caro-energia su famiglie e imprese. Martedì mattina il testo è atteso in Aula. Giovedì invece toccherà alla Camera. Dove c’è da approvare anche l’aggiustamento di bilancio da 6,2 miliardi che consentirà di sbloccare il nuovo pacchetto di aiuti (il decreto ter) per il quale il Governo punta a mettere sul piatto 12-13 miliardi. Che la partita sia delicata (va garantito non solo il numero legale, ma per l'aggiustamento serve anche la maggioranza assoluta), lo conferma la mobilitazione dei leader di partito, che assicurano la presenza in Aula interropendo di fatto la campagna elettorale.
Lunedì intanto assemblea nazionale di Confindustria, che quest’anno si è svolta in Vaticano con l’Udienza del Santo Padre alla presenza di oltre 5.000 imprenditori con le loro famiglie.
Le imprese, ha detto il presidente Bonomi, ”hanno il dovere di offrire un lavoro degno, basato sulla sicurezza; un lavoro ”libero”, ”creativo” e ”solidale”. Il lavoro ”è la questione chiave attorno a cui deve ruotare la prossima azione del Governo e l’impegno dell’impresa”. Intorno al lavoro ”dovranno girare tutti gli altri temi, dall’energia alla finanza”. Con le aziende in crisi, ”bisogna intervenire garantendo interventi a sostegno del reddito e l’esperienza della cig covid può essere un modello”. Confindustria propone ”un taglio del cuneo fiscale da 16 miliardi perché è l’unico elemento strutturale di competitività”. E rivolgendosi a Papa Francesco, Bonomi ha osservato: ”Viviamo in un Paese smarrito, diviso ingiusto e con lo sguardo schiacciato sui bisogni presenti”. Grandi preoccupazioni arrivano non solo dalla ”spaventosa” guerra in Ucraina, dai rincari dei costi dell’energia e dalla ”perdurante bassa occupazione”, ma anche ”dall’onda di sfiducia e sofferenza sociale che esprime una parte troppo vasta della società italiana” e a cui urge dare delle risposte”. Ma anche la politica deve fare la sua parte. E Bonomi non risparmia critiche: ”Gli orizzonti della politica sembrano sempre più corti e schiacciati su false priorità”.
Da parte sua Papa Francesco ha detto che ”il solo problema del lavoro e dell’economia per l’uomo non può risolversi se resta ancorato nei confini del solo mercato del lavoro: è il modello di ordine sociale da mettere in discussione”. Oggi, ha aggiunto Bergoglio, ”la tecnica rischia di farci dimenticare questa grande verità, ma se il nuovo capitalismo creerà ricchezza senza più creare lavoro, va in crisi questa grande funzione buona della ricchezza. La quota di valore che va al lavoro è troppo piccola, soprattutto se la confrontiamo con quella che va alle rendite finanziarie e agli stipendi dei top manager”. Conclude Francesco: ”Il buon imprenditore conosce i lavoratori perché conosce il lavoro. Molti di voi - ha quindi detto - sono imprenditori artigiani, che condividono la stessa fatica e bellezza quotidiana dei dipendenti”. Eppure ”una delle gravi crisi del nostro tempo è dimenticare ’l’odore’ del lavoro: non si riconoscono più i prodotti ad occhi chiusi toccandoli; e quando un imprenditore non tocca più i suoi prodotti, perde contatto con la vita della sua impresa, e spesso inizia anche il suo declino economico”.
Il segretario generale della Cisl Sbarra invita istituzioni, politica e parti sociali a ”non ignorare l’appello di Papa Francesco: bisogna ripartire dalla centralità e dalla dignità del lavoro, dare un futuro ai giovani, tutelare salari e pensioni, rispettare la donna, la famiglia, l’ambiente”. E martedì mattina Sbarra illustrerà in una conferenza stampa presso la sede nazionale della Cisl i contenuti dell’Agenda sociale predisposta dalla Confederazione di via Po con le priorità e gli obiettivi sindacali in vista del confronto con il futuro governo e della predisposizione della prossima legge di Bilancio.
Giampiero Guadagni

( 12 settembre 2022 )

Eventi

Annie Ernaux vince il Premio Nobel per la Letteratura

Scrittrice lontana da qualunque corrente tradizionale, fa della commistione fra letteratura e sociologia la sua l'originalità

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Pierre Lemaitre, sfogliare il Novecento

“Nel romanzo storico c’è qualcosa di didattico... La domanda da porre è se è più importante la Storia o il romanzo: io ho scelto di dare più importanza al romanzo"

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Cinema

Una lettura ai raggi X

Ci schiaffeggia tutti, Virzì, nel suo ultimo film, “Siccità”: immagina una Roma apocalittica, prosciugata da tre anni di mancanza di pioggia

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it