Domenica 14 agosto 2022, ore 11:47

Economia 

Dl Sostegni, solo un primo passo 

Richiesta di proroga del blocco dei licenziamenti e contrarietà rispetto al condono fiscale. Cgil Cisl e Uil hanno espresso una linea comune nelle rispettive audizioni di ieri in Commissione al Senato sul Dl Sostegni.
Sottolinea il segretario confederale Cisl Ganga: ”Le misure contenute nel decreto sono solo un primo passo non ancora sufficiente, al quale ne devono seguire altri che estendano il blocco dei licenziamenti almeno fino a quando non sarà conclusa la campagna vaccinale allineando di conseguenza il numero di settimane di cassa integrazione con causale covid, superando la selettività; prevedano un grande investimento sui contratti di solidarietà difensivi e espansivi ma, più in generale, realizzino, attraverso un dialogo sociale costante e di merito su tutte le questioni aperte o di respiro strategico, la necessaria sintesi che affronti la congiuntura e programmi la transizione attraverso un nuovo patto sociale”. Aggiunge Ganga: ”Sino a quando non saranno operativi gli strumenti delle politiche attive e la copertura universale degli ammortizzatori, l’emergenza sanitaria non cesserà e la spinta al rilancio comincerà a evidenziarsi, quindi almeno per tutto il 2021, non possiamo consentire che si abbassino le protezioni, per evitare che la crisi economica già in essere generi anche una insostenibile crisi sociale”. La Cisl conferma il no al condono fiscale ”perché, pur nella forma mitigata dei 3 mila euro, è portatore di un disvalore culturale e sociale”. Inoltre ”le indispensabili risorse di sostegno al reddito devono essere affiancate da un valido piano di politiche attive che facciano perno su due strumenti: il Fondo nuove competenze, da rifinanziare, e l’assegno di ricollocazione, anche questo da rifinanziare in maniera significativa”.
Sulla stessa linea il leader della Cgil Landini. A partire dal blocco dei licenziamenti: ”Necessario avere una data unica e quindi che è ciò che è stato sancito al 30 giugno venga portato per tutti al 31 ottobre”. Per continuare sul no alla scelta del condono, ritenendo invece urgente ”un intervento strutturato di riforma complessiva fiscale”. Occorre poi ”allargare la rete del Reddito di cittadinanza e di emergenza e della Naspi, soprattutto per la durata di quest’anno”.
Anche per la Uil il condono ”è uno schiaffo in faccia a milioni dl lavoratori dipendenti, pensionati e imprese che fanno il loro dovere con il fisco". Per il segretario confederale Proietti ”serve una riforma fiscale che dia trasparenza ed equità al sistema”. Sempre in audizione, le Regioni da parte loro avvertono: ”Se non sarà ristorata l’intera spesa sostenuta per tutta l’emergenza Covid ci sono rischi per i bilanci regionali e molte Regioni potrebbero entrare in disavanzo, con la conseguenza di un possibile aumento automatico delle imposte”.
Giampiero Guadagni

( 7 aprile 2021 )

Libri

Gioia del palato... e non solo

Il cibo non è soltanto gioia del palato, ma espediente per ricordare, collocare, identificare: i sapori in determinati contesti contribuiscono a rafforzare immagini, fisiche o mentali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il rovescio della medaglia della nuova ondata di ossigeno che risolleva il nostro turismo ha la faccia degli italiani per i quali le ferie resteranno un miraggio

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Protagonisti del Novecento

Marilyn nella Guerra Fredda

Tutta la carriera di Marilyn Monroe, si consumò nella fase più acuta della Guerra Fredda. Nel 1954, era a Seul, per intrattenere i Marines che combattevano in Corea

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it