Sabato 23 settembre 2017, ore 0:39

Quotidiano di informazione socio‑economica

Auto

Fca ancora nel mirino: occhi puntati sul caso emissioni in Usa

epa05714382 (FILE) A file picture dated 06 May 2014 showing the logo of the Fiat Chrysler Automobiles (FCA) at the Chrysler Group World Headquarters in Auburn Hills, Michigan, USA. Reports late 12 January 2017 state the US Environmental Protection Agency, epa, accused Fiat Chrysler Automobiles (FCA) of rigging more than 100,000 diesel-powered vehicles to deceive emissions tests. The shares of Fiat Chrysler Automobiles (FCA) tumbled some 18 per cent at the New York Stock Exchange, NYSE, following the  announcement, and caused a brief suspension of trading in Fiat Chrysler Automobiles (FCA) shares.  EPA/RENA LAVERTY

Dopo la notizia dell’apertura di una procedura di infrazione decisa dalla Ue per violazione delle norme sull’omologazione degli autoveicoli, Fca, secondo indiscrezioni rilanciate da Bloomberg, ora rischierebbe una causa legale dal governo Usa per la “presunta” violazione delle leggi americane sulle emissioni.

E il titolo continua a soffrire in Borsa. Il timore, evidentemente, è che il potenziale doppio attacco tra Europa e America possa pesare sui conti del gruppo dell’auto guidato da Sergio Marchionne. Eppure, sottolineavano fonti Usa, non è ancora stata depositata alcuna causa dal governo statunitense e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che questo possa accadere a breve.

Bloomberg nella tarda serata di ieri spiegava che il dipartimento di Giustizia già questa settimana potrebbe agire contro Fca se, e solo se, dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla presunta violazione delle leggi americane sulle emissioni.

Diversamente Fca punta a una soluzione ”giusta” del caso. Già in passato si era parlato di una possibile azione del governo americano: era uno scenario che si profilava il 12 gennaio scorso quando l’Agenzia per la protezione ambientale (Epa) statunitense accusò Fca di avere violato la legge su circa 104.000 veicoli installando, ”senza comunicarlo, un software di gestione delle emissioni nei modelli Jeep Grand Cherokee e Ram 1500 prodotti nel 2014, 2015 e 2016 ”.

L’unico elemento nuovo fornito dall’agenzia stampa americana è la tempistica di una causa che per ora è, appunto, soltanto una ipotesi. ”Se si verificasse, sarebbe uno sviluppo un po’ inatteso”, ha commento un analista.

( 18 maggio 2017 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2017 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it