Sabato 15 giugno 2024, ore 15:07

Economia 

Manovra, interventi in ordine di priorità 

Una manovra ”complicata”, che interverrà sicuramente a favore dei redditi medio-bassi, ma con cui ”non si potrà fare tutto”. Prima che parta l’assalto alla diligenza, il ministro dell’Economia Giorgetti in videocollegamento al Meeting di Rimini, detta l’indirizzo della prossima legge di bilancio. Il cui sentiero è reso stretto dal nodo delle risorse, ma su cui pesa anche il tema delle nuove regole del Patto di stabilità. La ripresa del negoziato a Bruxelles è alle porte e l’Italia, che come posizione negoziale chiederà di escludere gli investimenti, preme perché si approvi entro l’anno la riforma, in modo da avere le nuove regole dal 1 gennaio 2024. ”La situazione è ancora eccezionale, l’Europa deve capirlo o si rischia l’autolesionismo”, dice il titolare di Via XX Settembre. I dossier che impegneranno il Governo in autunno sono già caldi. A partire dalla manovra, su cui Giorgetti ha fatto a luglio un primo check con i singoli Ministri. Giorgetti sottolinea: ”Non c'è spazio per tutto e gli interventi saranno messi in ordine di priorità”. Il refrain è sempre lo stesso, ma la necessità di ribadirlo suona come un avvertimento a desideri e bandierine dei partiti. Un paio di indicazioni su cosa ci sarà, le fornisce lo stesso Giorgetti: ”Certamente dovremo intervenire a favore dei redditi medio-bassi”, come fatto con la decontribuzione perché l'inflazione riduce fortemente il potere d'acquisto; inoltre ”dovremo anche usare le risorse a disposizione per promuovere la crescita e premiare chi lavora siano essi gli imprenditori o i lavoratori”. Un tema che resta all’attenzione del Governo è poi quello della natalità. Giorgetti intende riproporlo, perché ”non c’è nessuna riforma o misura previdenziale che tiene nel medio e lungo periodo” con i numeri che ha oggi l'Italia. Parole che sembrano voler allontanare l’ipotesi di una riforma complessiva degli assegni: l'intenzione, infatti, sarebbe quella di lavorare alla proroga di Quota 103.
La ministra del Lavoro Calderone infatti allarga l'orizzonte: si guarda ad ”un percorso che è iniziato e arriverà a compimento in legislatura”, dice sempre da Rimini, aprendo invece alla possibilità di un Ape sociale più ampia e a rivedere gli anticipi per le donne. La manovra conterrà anche sostegni al lavoro, assicura Calderone, che ha già presentato le proprie richieste al Mef. In rampa di lancio c’è la riproposizione del taglio del cuneo contributivo in scadenza a fine anno. Resta tuttavia da capire se verrà prorogato nella versione più corposa introdotta con il decreto primo maggio (7 punti per i redditi fino a 25mila e 6 per quelli fino a 35mila), per la quale servono 9-10 miliardi, o facendo una media con il taglio deciso avviato con la scorsa legge di bilancio. A determinare ogni scelta saranno le risorse: una coperta che appare ancora corta, con la necessità di trovare per la manovra circa 20-25 miliardi. Al momento, a fronte di un elenco già ricco di uscite (oltre al cuneo, le spese obbligate stimate in 6 miliardi, la riduzione dell'Irpef a 3 aliquote per cui si cercano almeno 4 miliardi, la replica della tassazione agevolata sui premi di produttività e i fringe benefit cui servono circa 1-2 miliardi, oltre al capitolo pensioni), la voce entrate conta solo i 4,5 miliardi ricavati in deficit dal Def e i 300 milioni per il 2024 previsti dalla spending review dei ministeri. Cui vanno aggiunte le risorse che il Governo punta a raccogliere dal nuovo rapporto collaborativo tra fisco e contribuente e dalla nuova tassa sugli extraprofitti delle banche, da cui sono attesi circa 2,5 miliardi. Proprio sugli extraprofitti si lavora alle possibili modifiche in vista della conversione in Parlamento: l'obiettivo è garantire il massimo gettito per il 2023, alleggerendo il peso per le banche: credito d’imposta la soluzione possibile. Mentre il Governo esclude che la tassa venga estesa ad altri settori.
Giampiero Guadagni

( 22 agosto 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

L'800 Lombardo, da Hayez a Previati in mostra a Monza Orangerie-Villa Reale e Musei Civici

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Giuseppe Mazzini e Silvestro Lega, vite del Risorgimento

Una mostra al Vittoriano accosta queste figure eccezionali del nostro Ottocento

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Cercare la vita in maniera vorace

È variegata l’umanità raccontata da Di Consoli, tanti i personaggi che fanno da sfondo a questi suoi racconti poetici, molti incontrati di notte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it