Giovedì 18 aprile 2019, ore 15:33

Quotidiano di informazione socio‑economica

Economia

Su Bankitalia la Lega chiede discontinuità

Prosegue l’assedio della maggioranza di Governo alla Banca d’Italia. Ieri il presidente della Commissione Bilancio della Camera, il leghista Claudio Borghi, dai microfoni di Radio anch’io è tornato all’attacco prima contro la riconferma del vicedirettore generale Signorini (”Penso che la discontinuità ci debba essere - ha detto -. Perchè un conto è l’indipendenza, un conto è l’irresponsabilità”.) e poi sulle funzioni di Palazzo Koch. ”Le banche centrali - spiega Borghi - detengono e gestiscono le riserve auree nazionali” , ”ne hanno disponibilità ma il proprietario è un altro” . ”Bisognerebbe spiegare alla Banca d’Italia - aggiunge Borghi - che l’oro degli italiani è degli italiani. Questo poi non significa che sia del governo, che lo possa vendere”.

L’oro della Banca d’Italia, per l’ex ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, ”è un patrimonio che dovrebbe essere intoccabile”. Se passasse l’idea che i problemi di finanza pubblica si risolvono svuotando le casseforti - sottolinea Padoan - il messaggio ai mercati sarebbe devastante” e l’Italia verrebbe percepita come l’Argentina prima del default.

Una prospettiva poco rassicurante che fa scattare il campanello d’allarme del sindacato. ”Si parla di nomi e si vuole ledere l’autonomia di Bankitalia, questo è inconcepibile”, commenta la segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan. Mentre il tema che ci dovrebbe ”appassionare tutti” è quello del rafforzamento degli strumenti di vigilanza e controllo preventivo.

E anche i sindacati dei bancari (Fisac, First e Uilca) si pongono a difesa dell’indipendenza della Banca, contro l’intento del Governo di ”zittire le critiche” e ”demolire l’autonomia delle Istituzioni (dalla scuola alla magistratura alla Banca d’Italia)”.

( 12 febbraio 2019 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it