Lunedì 15 aprile 2024, ore 14:04

Pnrr 

Terza rata, semaforo verde 

Una decisione attesa da tempo quella dell’Unione Europea che ha dato il via libera alla terza rata del Pnrr italiano, pari a 18,5 miliardi di euro. Il 28 luglio dalla Commissione europea era arrivato il primo disco verde. Il dossier era passato poi al vaglio del Comitato economico e finanziario, che ha avuto a disposizione quattro settimane per mettere il bollo definitivo di idoneità. Ora la Commissione Ue potrà fare il bonifico in attesa che si sblocchi anche la quarta rata (16,5 miliardi) che doveva arrivare a giugno. Il finanziamento europeo arriva in un momento non semplice per l'economia italiana che sembra aver perso lo slancio dei mesi scorsi.
Nel frattempo però l’Italia alza il livello dello scontro con la Ue, puntando il dito contro l'inerzia del ”suo” commissario Paolo Gentiloni e contro le lungaggini sul dossier Ita-Lufthansa, Bruxelles rilancia ricordando le inadempienze di Roma. Unica rimasta a non aver ratificato la riforma del regolamento del Meccanismo europeo di stabilità. Che senza l'ok italiano rimane incompiuta e lascia le banche senza ”backstop” in caso di choc. La questione del Mes, che la maggioranza ha messo in stand by alla Camera almeno fino a fine ottobre, torna inevitabilmente sul tavolo alla vigilia di un Eurogruppo informale in cui Giorgetti sarà chiamato a dare ai colleghi un ”aggiornamento sullo stato di avanzamento della ratifica”, ha spiegato un alto funzionario europeo che fa sapere: ”Siamo molto consapevoli della sensibilità del tema in Italia e ovviamente rispettiamo pienamente il processo parlamentare, ma auspichiamo una conclusione positiva del processo quanto prima”. La maggioranza, di fronte alla proposta di legge di ratifica firmata Pd e Iv, ha votato una sospensione di 4 mesi (fino a fine ottobre). Ma, secondo quanto filtra dai partiti che sostengono il Governo, non ci sarebbe alcuna intenzione di accelerare. Anzi. Le condizioni non sono cambiate, e così anche la posizione della premier Meloni. E l'idea è che lo strumento così com'è sia un ”totem” inutile perché non lo utilizzerebbe nessuno. E andrebbe quindi radicalmente rivisto. Il direttore del Mes, Pierre Gramegna, a Santiago, farà anche un punto sulle consultazioni in corso con i Paesi aderenti, circa il futuro del meccanismo. Ma il dibattito sulle modifiche potrà partire solo quando la ratifica sarà completata. Una logica opposta a quella ”a pacchetto” perseguita sin qui dal Governo italiano, che mette sullo stesso piano il Mes e la riforma della governance economica Ue. La riscrittura del Patto di Stabilità, è il timore di Roma, rischia di penalizzare alla fine l'Italia. E finché il negoziato va avanti serrato ma non fa passi avanti, anche il Mes - il ragionamento che si fa in maggioranza - resterà congelato. E' proprio il nervosismo sul Patto (e sul Pnrr), dicono dalle opposizioni, ad avere spinto il Governo, dai vicepremier alla stessa Meloni, ad alzare i toni contro Gentiloni che presentando le stime - e difendendo l'andamento dell'economia italiana- si è chiamato ”fuori dalle polemiche”. Sottolineando però che sono proprio queste a danneggiare l'Italia. ”Ci tengo al mio Paese, per questo non le alimenterò”, le poche parole dedicate dal commissario agli Affari economici alla querelle che lo vede nel mirino da diversi giorni. Non sarebbero andate giù nella maggioranza, raccontano, le partecipazioni alle feste dell'Unità e gli interventi poco lusinghieri nei confronti del governo. Proprio mentre la Commissione si mostra particolarmente occhiuta su tutte le questioni che riguardano l'Italia, sia Ita sia il Pnrr, su cui da mesi si registrano, a detta italiana, particolari rigidità negli uffici di Bruxelles.
Giampiero Guadagni

( 12 settembre 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Nel “Discorso sul metodo” Cartesio non fissa solo sul modello delle matematiche i principi del conoscere ma anche quelli della morale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un romanzo fatto di antieroi

Marco Lodoli torna in libreria con il suo nuovo attesissimo romanzo. Ambientato in un Liceo di periferia, la storia narra di una bidella che si innamora perdutamente del nuovo professore di Lettere

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Piero della Francesca. Il polittico agostiniano riunito

In mostra al Museo Poldi Pezzoli-Milano, per la prima volta nella storia, otto tavole provenienti da cinque musei internazionali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it