Venerdì 10 aprile 2020, ore 2:24

Quotidiano di informazione socio‑economica

Casa

Una famiglia su 4 ha difficoltà nel pagare il mutuo

Mentre dentro il Pd si apre la riflessione sul messaggio che i cittadini hanno lanciato con il voto delle amministrative, una prima risposta chiara della misura del disagio sociale che serpeggia nel paese, arriva da uno studio realizzato da Nomisma sulla situazione delle famiglie italiane 2016. Ebbene, dati alla mano in Italia, “una famiglia su quattro è in difficoltà nel pagare il mutuo” per l’acquisto della casa. Un trend in allarmante crescita, dal momento che nell’arco di 12 mesi si è passati dal 14,4% al 22,8% di famiglie che dichiarano difficoltà a far fronte al mutuo: quasi una famiglia su quattro con un potenziale aumento di stock di sofferenze bancarie. Insomma, secondo l’istituto di ricerca bolognese, quella che appare è la “fotografia di un processo di polarizzazione in cui si rafforza in maniera preoccupante la dipendenza tra il background familiare e la capacità reddituale delle giovani generazioni: l’Italia è uno tra i paesi Ocse in cui maggiormente i redditi dei figli sono correlati a quelli dei genitori”. Polarizzazione che riguarda anche le città e i territori e la loro capacità di essere attrattivi con un’ampia percentuale di studenti delle scuole secondarie che vorrebbero vivere all’estero: il 42,6% del totale dei ragazzi di cittadinanza italiana e il 46,5% dei ragazzi di cittadinanza straniera. A giudizio di Nomisma pur confermando “i modesti miglioramenti delle condizioni economiche delle famiglie osservati da Istat, nella prima parte del 2016 sembra essere aumentata la consapevolezza delle fragilità del sistema Paese e della transitorietà di alcuni innegabili segnali positivi registrati nell’ultimo anno”. E questo, se si guarda all’intenzione delle famiglie di investimenti a lungo termine e, in particolare, all’acquisto di un bene come la casa, il clima che Nomisma rileva “è di sostanziale ’congelamento’ e con un incremento della percentuale di famiglie che non riescono a risparmiare (passate da 31,9% a 37%). In definitiva, il lieve miglioramento dal punto di vista reddituale finisce per alimentare i consumi a scapito del risparmio e di scelte di investimento di medio-lungo termine”. Nel 2015 gli acquisti di abitazioni hanno riguardato l’1,8% del totale delle famiglie (464.000) mentre i nuclei interessati ad acquistare un’abitazione si sono ridotti nell’ultimo anno di circa 500 mila unità, passando da 2,5 a 2 milioni.

( 23 giugno 2016 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it