Domenica 18 aprile 2021, ore 8:03

Quotidiano di informazione socio‑economica

Lavoro 

Welfare aziendale, opportunità di sviluppo 

Se fosse esteso a tutte le imprese del settore privato, il valore del welfare aziendale potrebbe arrivare a 53 miliardi di euro. Il beneficio per le aziende sarebbe pari a 34 miliardi, tra vantaggi fiscali e possibili incrementi di produttività. Lo evidenzia il 4° Rapporto Censis-Eudaimon. Per il singolo lavoratore il beneficio sarebbe pari a quasi una mensilità in più all’anno, per un totale di 19 miliardi. Per l’87,2% delle aziende il welfare aziendale sarà sempre più importante in futuro: per il 52% perché migliorerà la coesione interna di organici sempre più diversificati nelle modalità di lavoro; per il 35,2% perché renderà disponibili servizi di welfare utili e strumenti di formazione per trasferire nuove competenze ai lavoratori. ”Più welfare aziendale, dicono le imprese. Più welfare aziendale, dicono i lavoratori", sintetizza il Rapporto che afferma come il 77,4% di loro vuole che nella propria azienda venga potenziato, laddove esiste già, o introdotto, se ancora non è stato attivato. Il dato sale all’83,1% tra i dirigenti, all’82,1% tra gli impiegati e scende al 61% tra gli operai.
”Il welfare aziendale è una formidabile opportunità per una crescita diffusa della nostra società, oltre che uno strumento di coesione sociale e di partecipazione dei lavoratori”, ha detto intervenendo alla presentazione del rapporto il segretario generale della Cisl Sbarra per il quale comunque ” bisogna fare molto di più”. Infatti ”in Italia solo un’azienda su tre pratica la contrattazione decentrata. E al Sud il ritardo si fa ancora più marcato. La soluzione sta nella contrattazione territoriale, già realizzata in settori come edilizia, artigianato, agricoltura e parti del commercio”. Per Sbarra i dati della ricerca ”sono molto incoraggianti, una fotografia puntuale e aggiornata in un momento tanto difficile della storia nazionale, una fase che ha accelerato la trasformazione del tessuto produttivo e sociale, determinando cambiamenti profondi, e per tanti versi irreversibili, nel nostro modo di intendere l’organizzazione del lavoro, le comunità produttive, i bisogni e le aspettative delle persone e delle loro famiglie”.
Ma perché il welfare aziendale sia davvero un’opportunità di sviluppo, occorre che vengano realizzate quattro condizioni: una mappatura puntuale delle analisi dei bisogni, con una verifica esaustiva sui risultati; un rapporto contrattuale costante e vicino alla persona per dare al servizio un carattere dinamico e adattivo; aumento delle competenze della bilateralità e degli strumenti paritetici di gestione; infine, va promossa la più capillare campagna di informazione tra lavoratori che spesso non sanno di avere diritto a prestazioni integrative.
Conclude Sbarra: ”Per la Cisl i tempi sono maturi per una svolta sul coinvolgimento dei lavoratori alla vita finanziaria e alla governance d'impresa, come previsto dall'art. 46 della Costituzione. Dobbiamo aprire un cammino partecipato di riforme, verso un contratto che unisca istituzioni, sindacato e mondo dell’impresa su obiettivi strategici comuni”.
Giampiero Guadagni

( 24 marzo 2021 )

Filosofia

Le vacanze di Cioran

La completa inettitudine dell’uomo Cioran alla vita normale, il suo sentirsi inadeguato ad ogni cosa, il suo essere preda della noia, il suo subitaneo essere stanco di tutto

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La solidarietà si esprime pure nei gesti quotidiani, come il rispetto delle regole, il sostegno ai tanti che vivono in solitudine questa necessaria reclusione

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Filosofia

L’infinito etico di Lévinas

Compie cinquant’anni Totalità e infinito del filosofo lituano-francese che ha ripensato l’etica del Novecento a partire dal fuori, dal volto dell’altro

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it