Martedì 28 maggio 2024, ore 12:31

America 

Gli Usa crescono meno delle attese ma la Fed per ora non taglierà i tassi 

L'economia americana cresce ma leggermente meno delle attese. Il pil del quarto trimestre ha segnato un +3,2%, sotto il 3,3% dell'iniziale stima. Un lieve rallentamento che, probabilmente, non inciderà sulla tabella di marcia della Fed. Archiviata l'ipotesi di un taglio dei tassi in marzo, gli analisti scommettono ora in giugno o luglio per la prima riduzione del costo del denaro. Ma nulla è dato per scontato: il timore è che l'inflazione resti elevata, ben sopra il target del 2%, o che addirittura torni ad accelerare.

Con la cautela d'obbligo in un quadro fortemente incerto, gli investitori attendevano le nuove rilevazioni sull'andamento dei prezzi : l'inflazione misurata dall'indice Pce, il personal consumption expenditure, in gennaio è salita del 2,4%, in linea con le attese. Ora è attesa soprattutto l'audizione in Congresso del presidente della Fed Jerome Powell il 6 marzo, il giorno dopo il Super Tuesday. Proprio alle elezioni gli investitori guardano con particolare attenzione: il 5 marzo dovrebbe essere infatti chiaro chi saranno i due candidati che si sfideranno in novembre, con molta probabilità Donald Trump e Joe Biden.

L'economia americana continua a registrare performance migliori delle sue rivali, mette in evidenza S&P Global Ratings che di recente ha rivisto al rialzo la crescita americana per il 2024 al +2,4% dal +1,5% precedente alla luce dell'andamento della crescita nel 2023 e della buona partenza per il 2024. "Le prospettive per l'economia americana sono positive. Il pil cresciuto del 2,5% nel 2023 e l'attesa per il 2024 è simile, quanto basa per mantenere la disoccupazione bassa, sotto il 4%", afferma Mark Zandi, il capo economista di Moody's Analytics, prevedendo un taglio dei tassi di un quarto di punto in maggio e riduzioni della stessa entità nei trimestri successivi. Il costo del denaro, spiega Zandi, scenderà dall'attuale oltre 5% al 3% nei prossimi anni grazie al calo dell'inflazione.

L'ottimismo per le prospettive americane, aggiunge, è legato in gran parte ai consumatori che continuano a spendere e far girare l'economia. "Ci sono comunque alcuni rischi al ribasso, dal petrolio al sistema bancario americano che è stabile ma fragile passando per il contesto politico con le elezioni presidenziali che potrebbero innescare volatilità".

L’opinione diffusa tra gli analisti è univoca: la Federal Reserve dovrebbe tagliare i tassi di interesse solo di 75 punti base quest'anno, meno delle attese. È quanto emerge dall'andamento degli swap che, nei mesi, indicavano un taglio complessivo fino a 100 punti base. La revisione della attese è legata all'andamento dell'economia e all'inflazione che, pur rallentando continua a mantenersi elevata. L'ipotesi di un taglio in marzo è ormai tramontata e l'ipotesi più accreditata è giugno o luglio.

Rodolfo Ricci

( 29 febbraio 2024 )

La Biblioteca Ambrosiana

Uno scrigno prezioso

Oggi conta circa un milione di volumi a stampa, soprattutto di fondo antico (incunaboli e cinquecentine), e trentacinquemila manoscritti

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il passato remoto è il tempo ideale della narrazione e non a caso nelle coniugazioni verbali greche e latine veniva chiamato “perfetto”

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

L’uomo giusto al momento sbagliato

La storia di Vincenzo Tiberio, il medico italiano che primo fra tutti, nel 1895, quindi 34 anni prima di Alexander Fleming, scoprì l’impor tanza di alcune muffe e sperimentò il loro potere antibiotico

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it