Domenica 18 agosto 2019, ore 1:54

Quotidiano di informazione socio‑economica

Europa

Il Parlamento europeo approva la riforma del copyright

Copyright message concept. Binary code, technology background

Il Parlamento europeo ha approvato le nuove regole sul diritto d'autore. Il via libera dall'Aula di Strasburgo all'accordo provvisorio raggiunto a febbraio sulle nuove norme sul rispetto del diritto d'autore in internet è passato con 348 si', 274 no e 36 astenuti. Le nuove norme Ue sul copyright, che includono salvaguardie alla libertà di espressione, consentiranno a creatori ed editori di notizie di negoziare con i giganti del web il pagamento di compensi per l'utilizzo di contenuti coperti da diritti d'autore.

"Approvata la direttiva copyright. Difendiamo la creatività italiana ed europea e i posti di lavoro", ha scritto su Twitter Antonio Tajani, presidente del parlamento Ue, dopo il voto dell'assemblea di Strasburgo.

Il voto positivo sulla riforma del copyright "è un grande passo avanti" che arriva con "garanzie chiare per la libertà di espressione", ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Ue al mercato digitale e responsabile del dossier, Andrus Ansip, spiegando che la riforma "elimina la frammentazione" delle regole tra i 28 e dota "per la prima volta" l'Europa di "chiare regole comuni", che includono anche il patrimonio culturale e il data mining.

La direttiva con la riforma del copyright, che tiene conto dei cambiamenti avvenuti dall'avvento del digitale, ha spaccato il Parlamento europeo: da una parte i sostenitori del mondo di autori e editori, che difendono i diritti di chi produce le opere d'arte e l'informazione, con alle spalle potenti associazioni di categoria di autori, editor; dall'altra quelli che, in difesa della libertà di espressione dei cittadini, sono stati accusati di difendere gli interessi di grandi colossi tecnologici, che consentono la pubblicazione di contenuti senza pagare un equo compenso.

"Un voto storico per l'Europa", sostiene il presidente degli editori di giornali europei Enpa, Carlo Perrone, mentre protesta Wikipedia che oscura la pagina italiana in vista della decisione del Parlamento europeo. "Una bella pagina e una grande giornata per la cultura e l'Europa", è il primo commento del presidente dell'Associazione italiana editori (Aie), Ricardo Franco Levi, dopo l'approvazione a Strasburgo della direttiva sul copyright.

( 26 marzo 2019 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it