Mercoledì 12 giugno 2024, ore 18:23

Welfare 

Pensioni: il sistema regge ma pesa la voce assistenza 

Il sistema pensionistico italiano regge e non desta preoccupazioni. A patto però di compiere scelte oculate su anticipi ed età di pensionamento e di migliorare la politica industriale del Paese. Questa la tesi del decimo rapporto ”Il Bilancio del Sistema Previdenziale italiano. Andamenti finanziari e demografici delle pensioni e dell'assistenza per l’anno 2021”, redatto dal Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali, presentato ieri alla Camera. Secondo lo studio, torna a migliorare il rapporto attivi/pensionati, grazie ad un’occupazione in ripresa. Il sistema pensionistico è quindi in equilibrio, al netto dell’assistenza, ma la stabilità ”rischia di essere minata dalle troppe eccezioni alla riforma Monti-Fornero, dall’incapacità di affrontare adeguatamente l’invecchiamento della forza lavoro e da livelli occupazionali da fanalino di coda in Europa per quanto in miglioramento”.
”A oggi il sistema è sostenibile e lo sarà anche tra 10-15 anni, nel 2035/40, quando le ultime frange dei baby boomer nati dal Dopoguerra al 1980 - in termini previdenziali assai significative, data la loro numerosità - si saranno pensionate”, ha spiegato il presidente del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali Alberto Brambilla. Perché si mantenga questo delicato equilibrio ”sarà però indispensabile intervenire maniera stabile e duratura sul sistema, tenendo conto delle età di pensionamento; dell’invecchiamento attivo dei lavoratori, attraverso misure volte a favorire un’adeguata permanenza sul lavoro delle fasce senior della popolazione; e delle politiche attive del lavoro, da realizzare di pari passo con un’intensificazione della formazione professionale”.
E le pensioni saranno giovedì mattina al centro del confronto al ministero del Lavoro tra Governo e sindacati. Spiega il segretario confederale della Cisl Ganga: ”Siamo fiduciosi che al tavolo sarà possibile iniziare un percorso di vera riforma del sistema previdenziale nella direzione di una maggiore equità. È necessario rendere più flessibile la possibilità di andare in pensione con regole che possano contare su di una certa stabilità e non solo con provvedimenti a scadenza annuale come è accaduto negli ultimi anni”. Aggiunge Ganga: ”Colpisce leggere che la Francia si appresta ad una riforma per innalzare il requisito alla pensione a 64 anni dal 2030 - prosegue - mentre l'Italia da anni prevede l'età della pensione di vecchiaia a 67 anni. Cercare di arrivare a una maggiore flessibilità per andare in pensione non può essere considerato un privilegio”. Con il sistema contributivo i lavoratori fanno attente valutazioni di convenienza e lo dimostra anche il fatto che il numero di chi ha utilizzato provvedimenti come quota 100 o 102 è molto più basso di quanto preventivato in sede di valutazione dei costi. La riforma del sistema non si ferma però alla flessibilità, “bisogna tutelare maggiormente le donne che sono state particolarmente penalizzate e recuperare una possibilità di uscita con opzione donna con 58/59 anni superando gli attuali condizionamenti”. Secondo la Cisl serve poi “riconoscere a livello previdenziale i lavori di cura in ambito familiare e allargare le possibilità di pensionamento per chi svolge lavori gravosi e usuranti. L'Ape sociale dovrà essere allargata a nuove categorie di gravosi e dovrà essere resa strutturale. Inoltre è inoltre importante arrivare a definire una pensione contributiva di garanzia per i giovani che hanno avuto carriere di lavoro frammentarie e sostenere in modo più incisivo lo sviluppo della previdenza complementare. Maggiore attenzione deve essere rivolta anche a chi è già in pensione. Alzare l'importo della cosiddetta quattordicesima per i pensionati e allargarne la platea di riferimento – conclude Ganga – è secondo noi un modo corretto per sostenere le pensioni di importo più basso ed è necessario recuperare meccanismi di indicizzazione capaci di tutelare il potere di acquisto di tutti i pensionati”.
Giampiero Guadagni

( 18 gennaio 2023 )

Mostre

Giuseppe Mazzini e Silvestro Lega, vite del Risorgimento

Una mostra al Vittoriano accosta queste figure eccezionali del nostro Ottocento

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Cercare la vita in maniera vorace

È variegata l’umanità raccontata da Di Consoli, tanti i personaggi che fanno da sfondo a questi suoi racconti poetici, molti incontrati di notte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Giacomo Matteotti

A cento anni dall'assassinio

Intervista a Mimmo Franzinelli, storico del fascismo in libreria con un nuovo saggio

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it