Giovedì 1 dicembre 2022, ore 7:16

Politica 

Nuova legislatura al via 

Nuova legislatura, nuovi regolamenti, per adeguare il funzionamento della Camera e del Senato al taglio del numero dei parlamentari. Palazzo Madama ha modificato il suo ordinamento interno alla fine di luglio. Un compito che occuperà i nuovi inquilini di Montecitorio fin dall’inizio del loro mandato. Ad agosto, dopo alcune riunioni infruttuose, la Giunta della Camera non aveva trovato l’unanimità sui cambiamenti da adottare e aveva deciso di passare la palla ai futuri deputati. L’ora è arrivata. Oggi inizia la nuova legislatura e dopo l’elezione del successore di Roberto Fico alla presidenza, dopo la formazione delle commissioni e delle Giunte, il tema sarà nuovamente dibattuto dalla Giunta composta da dieci deputati nominati dal Presidente e presieduta dallo stesso presidente. Il nuovo regolamento sarà poi sottoposto all’Aula per le eventuali modifiche e l’approvazione definitiva. Il Senato ha invece già risolto la questione. In Aula ci saranno duecento senatori, più quelli a vita, contro i 315 dell’ultima legislatura. Una sforbiciata che ha reso necessario rivedere molte delle norme che regolano i lavori di Palazzo Madama. Le novità più consistenti riguardano le commissioni permanenti; non sono più 14, ma 10. Alcune sono state accorpate, altre hanno assunto nuove e ulteriori competenze. La prima, la commissione Affari costituzionali, si occuperà delle materie concernenti gli affari della Presidenza del Consiglio e dell'Interno, dell'ordinamento generale dello Stato e della Pubblica Amministrazione, e anche dei temi dell'editoria e della digitalizzazione. Non cambiano le materie della commissione Giustizia, mentre Esteri e Difesa si uniscono in un’unica commissione. Alle sedute della commissione Politiche dell’Unione europea (la quarta) potranno essere invitati, senza diritto di voto, anche i membri del Parlamento europeo che ”potranno formulare osservazioni e proposte con riguardo ai lavori della Commissione”. La quinta e la sesta commissione (Bilancio e Finanze) non subiscono cambiamenti, a differenza della settima che cambia denominazione in ”Cultura e patrimonio culturale, istruzione pubblica, ricerca scientifica, spettacolo e sport”. Altri accorpamenti riguardano le commissioni Ambiente e Lavori pubblici, le commissioni Industria e Agricoltura, nonché le commissioni Lavoro e Sanità.
Profondamente modificata anche la disciplina della composizione dei Gruppi, per attutire la riduzione del numero dei senatori e per contrastare il fenomeno dei cambi di casacca. ”Ciascun Gruppo, ad esclusione del Gruppo misto e del Gruppo rappresentativo delle minoranze linguistiche, dovrà essere composto da sei senatori in luogo di dieci e rappresentare un partito o movimento politico - eventualmente anche in coalizione - che alle ultime elezioni abbia presentato candidati con lo stesso contrassegno, conseguendo l’elezione di almeno un senatore”. Resta la possibilità di costituire Gruppi di coalizione elettorale, così come la possibilità di costituire, anche in seguito, Gruppi autonomi da parte di ciascuna componente della coalizione stessa. Consentita anche la costituzione di nuovi Gruppi in corso di legislatura, purché composti da almeno dieci senatori e rappresentativi di un partito o un movimento politico - del quale assumono il contrassegno - che nella legislatura abbia presentato alle elezioni politiche, regionali o del Parlamento europeo propri candidati, conseguendo l’elezione di propri rappresentanti. Viene poi per la prima volta prevista la possibilità di non essere iscritti ad alcun Gruppo parlamentare.
Per arginare quella che è stata definita ”la mobilità parlamentare”, il nuovo Regolamento prevede che i componenti dell'Ufficio di Presidenza che lasciano il Gruppo al quale appartenevano al momento dell'elezione ”decadono dall’incarico”, una norma che si applica ”a tutti gli organi collegiali del Senato”.
Giampiero Guadagni

( 12 ottobre 2022 )

Mostre

De Chirico a Bologna: barocco e neometafisico

De Chirico supera i limiti dello sguardo, della logica e della ragione perché l’arte possa diventare “immortale”

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

La Pradella della Pala Oddi

Realizzata per l’altare della famiglia Oddi nella chiesa di San Francesco al Prato, tra il 1502 e il 1504, è una delle tre importanti commissioni che il giovane Raffaello, non ancora ventenne, riceve a Perugia

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Ennio Flaiano se n’è andato 50 anni fa, e il vuoto che lascia si allarga in maniera direttamente proporzionale all’inadeguatezza della congerie pseudoculturale che imperversa da allora. Peccato per chi è venuto dopo, che un Flaiano non l’ha più avuto

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it