Martedì 25 gennaio 2022, ore 17:21

Quotidiano di informazione socio‑economica

Lavoro 

Coesione sociale, il messaggio di Cgil Cisl Uil 

Ripartiamo, insieme. Con il lavoro, la coesione e la giustizia sociale per l’Italia di domani. E’ questo lo slogan delle tre manifestazioni unitarie di Cgil, Cisl, Uil che si svolgeranno in contemporanea sabato dalle ore 10,30 a Torino, Firenze e Bari, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza anti Covid ancora in vigore.
A Piazza Castello a Torino parlerà il segretario generale della Cgil Landini; a Firenze a Piazza Santa Croce il segretario generale della Cisl Sbarra (ore 11.30), a Bari a Piazza della Libertà il segretario generale della Uil Bombardieri. Previsti anche gli interventi di sei delegati sindacali, in ciascuna delle tre piazze, in rappresentanza delle categorie dei lavoratori e dei pensionati.
Tra gli obiettivi centrali della mobilitazione gli investimenti, la riforma degli ammortizzatori, nuove politiche attive del lavoro e naturalmente la proroga del blocco dei licenziamenti almeno fino al 31 ottobre. Una richiesta quest’ultima pressante, a meno di una settimana dalla scadenza del primo blocco dei licenziamenti fissato al 30 giugno.
Sottolinea Sbarra: sul lavoro ”bisogna riprendere la via del dialogo e del confronto nel segno di una maggiore coesione sociale”. Il Governo, aggiunge il numero uno di Via Po, ”deve modificare la norma sullo sblocco dei licenziamenti perché rischiamo una valanga di licenziamenti in aggiunta al milione di posti persi nell'ultimo anno”. In questo scenario, osserva ancora Sbarra, ”serve che l’Esecutivo attivi una forte strategia per rilanciare il lavoro e gli investimenti pubblici e privati, migliorando il sistema delle protezioni sociali”.
I licenziamenti non servono perché ”il Paese ha davanti a sé una fase di ripresa e di recupero della produzione, ma quella che è partita è comunque una ripresa debole e disomogenea, con intere filiere in difficoltà dal tessile al calzaturiero, dall'indotto dell’automotive alla chimica di base. Abbiamo 100 tavoli aperti al Mise da molti anni”, ricorda Sbarra.
A sostegno della mobilitazione oggi in piazza anche i sindacati dei pensionati, che sollecitano cambiamenti al Decreto Sostegni Bis. Spiega il segretario generale della Fnp Cisl Ragazzini: ”E’ tempo di ripartire, di fare ancora e di più, ognuno per il proprio ruolo, per spingere il nostro Paese verso una società più sostenibile, inclusiva e pacifica”. Dopo tutti questi mesi di pandemia che ha lasciato in sospeso le nostre vite, ha detto Ragazzini, ”oggi riparte la speranza di una vita normale, anche se purtroppo dovremo fare i conti ancora per molto tempo con le gravi conseguenze derivanti da questo periodo, il quale ha evidenziato le debolezze e le fragilità che erano già presenti nel nostro sistema sanitario e sociosanitario: una sanità pubblica depotenziata da oltre 15 anni, sia sul versante dei finanziamenti sia su quello dei servizi”. Ora, conclude Ragazzini, ”c’è bisogno di lavorare per concentrarsi sulle vere priorità del Paese, mettendo al centro il lavoro stabile, gli investimenti, le riforme, il Mezzogiorno, la riforma degli ammortizzatori sociali e delle politiche attive che sono il vero anello mancante in Italia, costruendo quelle nuove nel quadro di un vero dialogo con le parti sociali. Le nostre proposte (riforma del sistema sanitario e legge nazionale per la non autosufficienza) hanno a che fare con due aspetti determinati per la nostra categoria, ed è per questo che le porteremo avanti insieme alla Cisl alle altre confederazioni sindacali, è pronta a svolgere il proprio ruolo per un dialogo sociale autentico”.
Giampiero Guadagni

( 25 giugno 2021 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Paola Mastrocola e Luca Ricolfi parlano del loro libro Il danno scolastico. La scuola progressista come macchina della disuguaglianza

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Protagonisti del Novecento

Nel labirinto di Comisso

Il 21 gennaio 1969 si spegneva Giovanni Comisso, trevigiano, una delle voci più irripetibili della letteratura italiana novecentesca

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

In ricordo di Giovanni Gastel

The People I Like, a cura di Uberto Frigerio con allestimento di Lissoni Associati, presenta oltre 200 ritratti che sono la testimonianza dell’immensa varietà d’incontri che ha caratterizzato la lunga carriera di Gastel

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it