Lunedì 20 novembre 2017, ore 18:27

Quotidiano di informazione socio‑economica

Il caso

Eurallumina, nuova mobilitazione oggi a Cagliari

Cresce il pressing degli operai dell'Eurallumina sulla Regione Sardegna per la chiusura dell'iter per il riavvio della fabbrica di raffinazione della bauxite per produrre allumina a Portovesme, nel Sulcis, dove si è in attesa della soluzione anche della vertenza per gli ex Alcoa.

Oggi corteo e nuova mobilitazione davanti al palazzo della Regione sfidando la pioggia battente: "siamo alle battute finali - dicono - il tempo è quasi terminato". "Per noi le cose sono fatte: la conferenza dei servizi l'8 febbraio si è chiusa - spiega per la Rsu Antonello Pirotto - certo alcune verifiche sono ancora in corso, giustamente diciamo, ma ormai si è arrivati al dunque. Non vogliamo e non possiamo andare oltre il 2017: vuol dire che ben prima di Natale la delibera regionali di Valutazione di impatto ambientale per la ripresa produttiva perchè senza il provvedimento non ci può essere neanche il sostegno degli ammortizzatori sociali. Ma noi facciamo la battaglia per il lavoro".

Tra richieste di integrazioni alla documentazione e conferenze di servizi, l'iter non si è ancora concluso. Il Mibact ha espresso parere negativo sul progetto. Nel frattempo operai ed Rsu hanno organizzato innumerevoli iniziative, dai sit-in davanti all'assessorato regionale dell'Ambiente, con frequenza settimanale, ai presidi a Roma, culminati l'anno scorso nell'incontro con l'allora presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi.

"Crediamo che sia arrivato il momento per indicare una data certa per la predisposizione degli atti propedeutici alla delibera regionale per il Via", sostiene la Rsu, "ed essendo procedimento congiunto, l'Aia, in carico alla provincia Sud Sardegna. Tali provvedimenti non potranno pervenire oltre la scadenza del 2017. A rischio anche il sostegno ai lavoratori e alle loro famiglie in termini di ammortizzatori sociali", segnala la rappresentanza sindacale, "situazione evidenziata il 28 ottobre scorso al ministro del Lavoro Giuliano Poletti", intervenuto a Cagliari alla 48esima Settimana Sociale dei Cattolici italiani.

Secondo gli operai "ci sono ancora nell'Isola troppe vertenze non chiuse, troppi lavoratori e le loro famiglie nella disperazione per la mancanza di reddito e di dignità ne è un esempio questi lavoratori del Geoparco accampati qua sotto". Appena arrivati in corteo, infatti, le tute verdi hanno trovato ad attenderli sotto il colonnato del palazzo una delegazione di ex lavoratori Ati Ifras e c'è stato un commosso scambio di saluti, concluso in un applauso finale. In mattinata una delegazione della Rsu della fabbrica dovrebbe incontrare alcuni esponenti della Giunta regionale.

(Approfondimento domani su Conquiste Tabloid)

( 7 novembre 2017 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2017 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it