Sabato 23 settembre 2017, ore 0:38

Quotidiano di informazione socio‑economica

Sanità

Ricercatori sempre più precari, 3.500 rischiano di restare disoccupati

Ricercatori italiani nella sanità pubblica sempre più precari. Il Decreto Madia esclude dal piano di stabilizzazione della Pubblica Amministrazione gran parte di queste figure altamente specializzate ed alle quali non si possono più applicare i contratti atipici. In 3.500 rischiano di restare senza lavoro dal 1° gennaio 2018, con gravissime ricadute sulla sostenibilità e il futuro della ricerca sanitaria pubblica.

"La recente approvazione del Testo unico sul Pubblico impiego, pensato, tra le altre cose, per eliminare la precarietà nella pubblica amministrazione - dichiara Biagio Papotto, segretario generale Cisl Medici - di fatto non risolve il problema che riguarda i ricercatori impiegati con contratti precari dei 21 IRCCS pubblici, mettendo in serio pericolo, oltre ai loro posti di lavoro, l’attività di ricerca degli stessi Istituti.

( 14 luglio 2017 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2017 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it