Sabato 12 giugno 2021, ore 19:25

Quotidiano di informazione socio‑economica

Terremoto

Mirandola a 5 anni dopo. Mattarella: messaggio di fiducia all'Italia

A cinque anni dalla scossa di terremoto che ha piegato l'Emilia provocando 27 vittime e la distruzione di capannoni, azienda e abitazioni, il presidente della della Repubblica, Sergio Mattarella, ha iniziato la sua visita partendo in uno dei comuni più colpiti, Mirandola in provincia di Modena.

"L'evento 5 anni fa ha ricordato ancora una volta al nostro paese la fragilità del territorio nazionale”, ha detto Mattarella. ”Gli eventi richiamano l'esigenza di curare il nostro territorio e di mettere in sicurezza le strutture produttive e abitative. Voi avete scelto di ricostruire dando la precedenza alle scuole e alle aziende puntando sulla sicurezza. Sono condizioni che vanno estese ovunque, anche nelle zone recentemente colpite”, ha sottolineato il presidente della Repubblica. "Le aziende sono state capaci di fare fronte a quanto avvenuto e di riprendere con vigore, migliorando anche le attività produttive. La ricostruzine non è fatta solo dalle pietre ma da valori e dalla scelte", ha aggiunto il capo dello Stato. "Questo non è un giorno di festa ma di apprezzamento per quanto fatto e in questo impegno avete il sostegno di tutta l'Italia", ha chiosato Mattarella.

Il Capo dello Stato, che ha partecipato al convegno, 'Fare scuola' presso l'auditorium della scuola Rita Levi Montalcini, è stato accolto dall'inno di Mameli suonato dai giovani allievi di una scuola di musica. Presenti, tra gli altri, anche l'ex premier Romano Prodi, l'ex commissario per il sisma in Emilia, Vasco Errani, il presidente della Regione Emilia-romagna, Stefano Bonaccini, e diversi sindaci della zona.

"E' importante oggi la visita del Presidente Mattarella in Emilia a 5 anni dal sisma. Serve un grande piano di messa in sicurezza del paese", scrive la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, su twitter.

Il Capo dello Stato visiterà fino a tarda mattina i luoghi della ricostruzione passando dal modenese a Pieve di Cento nel Bolognese, area simbolo della rinascita. Qui sarà accolto dal sindaco, Sergio Maccagnani, dal presidente Confindustria Emilia Romagna, Maurizio Marchesini, e dai rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil locali.

 

( 29 maggio 2017 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La notte è l’incubatrice dell’evoluzione antropologica. Come tale, acquisisce preminenza sulle modalità dell’articolazione umana in parallelo allo sviluppo tecnico e al mutamento dei costumi

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Maria Teresa l'Imperatrice

Una donna straordinaria

Una figura che ha segnato profondamente il suo secolo e ha lasciato importanti tracce non solo a Vienna, dove visse, ma in tutti i Paesi europei che ha governato. Maria Theresia Walburga Christina Amalia, nata nel 1717, figlia dell’Imperatore Carlo VI, salì al trono degli Asburgo, prima e unica donna, nel 1740, a soli 23 anni, e vi rimase fino alla morte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Zia Mame

Zelig al femminile

Sarebbe interessante indagare il motivo per cui un romanzo come "Zia Mame" sia riuscito a scalare la classifica dei libri più venduti in Italia sino alla prima posizione a averla mantenuta per quasi una intera estate alcuni anni fa. In un Paese, dove, occorre ricordarlo, la gente legge pochissimo, i più non comprano ormai nemmeno il giornale figurarsi se gli viene in mente di ficcare il naso dentro una libreria

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it