Sabato 12 giugno 2021, ore 19:33

Quotidiano di informazione socio‑economica

Poesia

Addio a Francesco Scarabicchi

di ALESSANDRO MOSCÈ

Francesco Scarabicchi, venuto a mancare la settimana scorsa, è stato il poeta della rastremazione, dell’essenzialità, del verso asciugato nel calco della parola. La sua è una liricità attorcigliata intorno alla perdita, alla finitudine, all’orfanità. L’evento basilare della sua vita è stata la morte del padre quando aveva appena dieci anni. Il significato della poesia fissa il noumeno, il tempo dell’adesso e del mai più. Francesco Scarabicchi nacque dal magistero di Franco Scataglini e dal concetto di “residenza” assorbito insieme ai sodali Massimo Raffaeli e Gianni D’Elia: che senso ha vivere qui e non altrove, in un luogo alienato come tutti gli altri? Einaudi, nel 2017, ha ripubblicato Il prato bianco, raccolta che era già uscita presso il piccolo editore L’Obliquo nel 1987. “Porto in salvo dal freddo le parole, / curo l’ombra dell’erba, la coltivo / alla luce notturna delle aiuole, / custodisco la casa dove vivo, / dico piano il tuo nome, lo conservo / per l’inverno che viene, come un lume”. La dichiarazione di poetica dell’autore nativo di Ancona si lega allo struggente ricordo, ad un filo sospeso con il passato ritagliato in fotogrammi che si aprono ad un biografismo non autoreferenziale, di luoghi domestici e intimi in un album che potrebbe sfogliare qualunque uomo: figlio, marito, padre. Scarabicchi non ha uno slancio meta-empirico, trascendente. Si ferma all’immanenza, al doloroso passaggio sulla terra che avviene una sola volta, per chi, paziente e silenzioso, attende la luce e l’ombra, il giorno e la notte, la veglia e il sogno. Un poeta garbato ed elegante dai cui versi epigrammatici si avverte il pensiero dominante di Saba, di Gatto, di quella poesia onesta composta di frammenti e verità malinconiche, sapienti: un infinito leopardiano tratto dall’insegnamento di quel nulla a cui siamo destinati dalla periferia del mondo. “Il poco più di notte / che si attarda / sul manto delle ore / non tradisce / quel che di te non dici, / gli anni muti / scivolati nel fondo, in lontananza”.

( 12 giugno 2021 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La notte è l’incubatrice dell’evoluzione antropologica. Come tale, acquisisce preminenza sulle modalità dell’articolazione umana in parallelo allo sviluppo tecnico e al mutamento dei costumi

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Maria Teresa l'Imperatrice

Una donna straordinaria

Una figura che ha segnato profondamente il suo secolo e ha lasciato importanti tracce non solo a Vienna, dove visse, ma in tutti i Paesi europei che ha governato. Maria Theresia Walburga Christina Amalia, nata nel 1717, figlia dell’Imperatore Carlo VI, salì al trono degli Asburgo, prima e unica donna, nel 1740, a soli 23 anni, e vi rimase fino alla morte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Zia Mame

Zelig al femminile

Sarebbe interessante indagare il motivo per cui un romanzo come "Zia Mame" sia riuscito a scalare la classifica dei libri più venduti in Italia sino alla prima posizione a averla mantenuta per quasi una intera estate alcuni anni fa. In un Paese, dove, occorre ricordarlo, la gente legge pochissimo, i più non comprano ormai nemmeno il giornale figurarsi se gli viene in mente di ficcare il naso dentro una libreria

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it