Domenica 14 agosto 2022, ore 10:56

Politica 

Conte: crisi senza fondamento 

Il passaggio più delicato sarà quello di martedì al Senato. Ma il premier Conte sapeva di giocarsi molte carte già nell’intervento di lunedì in Aula alla Camera, dove i numeri erano meno in discussione. E allora Conte nel chiedere la fiducia al Parlamento ha cercato di coinvolgere tutte le forze europeiste e anti-sovraniste e ha chiuso la porta della maggioranza a Italia viva, peraltro senza mai citare il suo leader Renzi (”non si può cancellare quanto accaduto”). ”Non ravviso alcun possibile fondamento in questa crisi che ha aperto una ferita nel Paese, lasciando tutti sgomenti e provocando danni notevoli come l’aumento dello spread e l'attenzione dei leader internazionali”.
Cinquantasei minuti di intervento, interrotti come prevedibile da applausi (14) della maggioranza e dai fischi dell’opposizione. Il presidente del Consiglio si presenta alla prova delle Camere chiedendo ”un appoggio limpido e trasparente su una convinta adesione ad un progetto politico. A tutti coloro che hanno a cuore il destino dell'Italia io dico: aiutateci”. Con l’appello alle ”forze parlamentari volenterose, persone disponibili a mantenere elevata la dignità della politica”. L’obiettivo è arricchire l'alleanza con ”il contributo politico d formazioni che si collegano alle migliori tradizioni democratiche, liberali, popolari, socialisti”. E dunque ”chi ha idee e progetti e vuole vestire i panni del costruttore per un progetto per il Paese sappia che questo è il momento giusto per contribuire a questa prospettiva”. Con un’apertura anche a quelle forze delle opposizioni che, riconosce Conte, ”hanno contributo a superare alcuni passaggi critici” e presentato ”proposte concrete”. La premessa è che l’esecutivo si presenta ”a testa alta” dopo la prova terribile della pandemia, ”perché ha agito con massimo scrupolo”. Ma serve una svolta e con le forze della maggioranza ci si siederà al tavolo per un patto di legislatura e il rafforzamento del governo”.
Il presidente del Consiglio mette sul piatto della bilancia la delega ai Servizi, annuncia che nominerà una persona di sua fiducia, chiedendo però di tenere fuori l’Intelligence dalle polemiche. E sottolinea di non voler mantenere l’interim dell’Agricoltura. Ma soprattutto apre alla legge elettorale di tipo proporzionale (provocando l’ira della Lega) e ad una ”riforma fiscale non più rinviabile”. Ora la strada è quella di ”mettere in sicurezza il Paese” ma il capo dell'esecutivo nel chiedere la fiducia del Parlamento ribadisce il suo impegno a proseguire.
Conte ha meticolosamente elencato le cose fatte in questo anno e mezzo di governo giallorosso. A partire dal Recovery Plan italiano che sarà un piano ”largamente condiviso, uno sforzo collettivo di cui andare fieri”. Nonostante ci sia stato un chiaro contributo al miglioramento della bozza originaria ”c’è stata un’astensione motivata principalmente per il fatto che la bozza non contempla le risorse del Mes, che però nulla ha a che vedere con il Recovery fund”.
Quanto alla politica industriale ”dobbiamo proseguire nel proteggere gli investimenti più strategici del Paese. Dobbiamo rafforzare politiche di intervento sulla base delle nostre filiere più produttive”.
Capitolo famiglie. ”L’assegno unico mensile si colloca in una cornice di interventi volti ad alleggerire il peso fiscale sulle famiglie. Da luglio sarà introdotto l’assegno unico mensile per famiglie con figli sotto i 21 anni”.
Da Conte anche ”il ringraziamento a tutte le associazioni che rappresentano le categorie produttive: con loro il dialogo è sempre continuo e serrato e sarà ancora più intenso adesso con questa nuova bozza migliorata del Recovery Plan”. E un ringraziamento ”anche il sindacato italiano per il grande sforzo che sta facendo”.

( 18 gennaio 2021 )

Libri

Gioia del palato... e non solo

Il cibo non è soltanto gioia del palato, ma espediente per ricordare, collocare, identificare: i sapori in determinati contesti contribuiscono a rafforzare immagini, fisiche o mentali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il rovescio della medaglia della nuova ondata di ossigeno che risolleva il nostro turismo ha la faccia degli italiani per i quali le ferie resteranno un miraggio

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Protagonisti del Novecento

Marilyn nella Guerra Fredda

Tutta la carriera di Marilyn Monroe, si consumò nella fase più acuta della Guerra Fredda. Nel 1954, era a Seul, per intrattenere i Marines che combattevano in Corea

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it