Domenica 19 maggio 2024, ore 3:16

Nuovo Governo /1 

Metro di giudizio: disponibilità al confronto  

Sono molte le sfide economiche che attendono il governo Meloni, a partire dalla manovra e dall’emergenza energia. Una corsa contro il tempo, pena il rischio di sconfinare nell’esercizio provvisorio e di perdere la nuova tranche di aiuti del Pnrr. Il nuovo Esecutivo dovrà mettere mano al quadro dei conti partendo dalla cornice lasciata dalla squadra di Draghi che nel documento inviato a Bruxelles si è limitato ad aggiornare i saldi tendenziali, ovvero le previsioni a legislazione vigente che non tengono conto degli effetti di nuovi interventi e riforme.
Un ruolo chiave nelle partite aperte sarà svolto dal ministero dell’Economia, passato dalle mani di un tecnico a quelle di un politico, Giorgetti, ministro dello Sviluppo economico nel governo Draghi. Il primo passo sarà il varo del nuovo decreto Aiuti, il quarto, per affrontare l’emergenza del caro energia, che dovrà camminare in parallelo con la manovra; oppure ricorrere a un emendamento al decreto Aiuti ter che deve essere convertito in legge. A prescindere dalle decisioni a livello europeo sul price cap, ci sono spese obbligate se si vuole confermare l'impianto degli aiuti già messi in campo: bonus sociale per le famiglie, sgravi per le imprese, abbattimento degli oneri di sistema, ulteriore proroga dello sconto benzina.
Per finanziare i primi interventi il governo potrà attingere al tesoretto di 10 miliardi di euro di minor deficit lasciato in dote dal precedente governo che dovrà però essere sbloccato con un voto del Parlamento. Secondo calcoli della Cgia, per salvare i bilanci delle famiglie e delle imprese sarà necessario impiegare entro la fine dell'anno almeno 70 miliardi di euro: 35 per dimezzare il caro bollette e altrettanti, con la manovra, per non far decadere dal prossimo gennaio alcune misure introdotte dal governo uscente.
Il primo scoglio, a livello politico, potrebbe essere decidere se ricorrere o meno a un nuovo scostamento di bilancio che Meloni considera l’extrema ratio. Poi c’è la legge di bilancio, che ha margini strettissimi e che parte già da 25-30 miliardi. La priorità è garantire che il debito continui a scendere, per evitare di allarmare l'Europa e i mercati. Il nuovo quadro programmatico dei conti dovrà tenere conto di una serie di fattori: inflazione galoppante, crisi energetica innescata dalla guerra in Ucraina, evoluzione della pandemia.
Le parti sociali intendono misurare il governo Meloni sui fatti. Nessun pregiudizio da sindacati e imprese, ma la richiesta di confronto e risposte alle emergenze.
Sabato scorso nelle stesse ore in cui il nuovo Esecutivo giurava al Quirinale, Cgil Cisl e Uil erano in piazza a Roma con i segretari generali per dire che tra le priorità ci deve essere la sicurezza sul lavoro. Tre morti ogni giorno sono inaccettabili, per fermare la strage servono prevenzione e controlli, formazione e norme più severe.
Osserva il leader Cisl Sbarra: ”Sta arrivando una grave fase di recessione che, insieme all'impennata dei prezzi, farà aumentare diseguaglianze, povertà, disoccupazione. Senza misure adeguate a Bruxelles e a Roma rischiamo una catastrofe economica e sociale peggiore di quella Covid”. Sbarra sollecita l’Esecutivo ad aprire subito al riformismo, sviluppando un confronto stabile con il mondo del lavoro, muovendosi sul doppio binario dell’emergenza e della prospettiva. In particolare un intenso e strutturato dialogo viene chiesto alla neo ministro del Lavoro Marina Calderone, che ha dato immediata disponibilità in questo senso.
Giampiero Guadagni

( 24 ottobre 2022 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Copertina dedicata al saggio “Dio, la scienza, le prove. L’alba di una rivoluzione”, scritto da due studiosi, Michel-Yves Bolloré e Olivier Bonassies

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

La scomparsa di Alice Munro

Lo sguardo sulla provincia

Premio Nobel per la letteratura nel 2013 e subito dopo precipitata nell’avverarsi dell’incubo peggiore di chi scrive: la demenza senile

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Intervista

Le sfaccettature dello smart working

A colloquio con Francesco Maria Spanò, saggista ed esperto di tematiche di organizzazione e gestione delle risorse umane

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it