Giovedì 29 febbraio 2024, ore 12:14

Ambiente

Auto, anche il metano finisce nel mirino per inquinamento

Se il gasolio ha i giorni contanti presto potrebbe essere il turno del metano. A schierarsi contro l’uso del gas fossile come combustibile per le auto è l’ong Transport & Enviroment, secondo cui gli effetti inquinanti sarebbero pari a quelli della benzina e solo di poco inferiori a quelli del diesel. Il rimedio? Eliminare le agevolazioni fiscali ed equiparare il metano, quanto a livello di tassazione, ai carburanti ”tradizionali”. Unica eccezione il biometano ed il metano sintetico, la cui produzione dipende però da materie prime (rifiuti e residui) la cui quantità è limitata per definizione.

La mobilità ”verde” è un tema sempre più sensibile per l’industria dell’auto. Gli scandali connessi alle emissioni dei motori diesel hanno aperto la strada al loro pensionamento, nonostante le versioni più innovative assicurino performance non dissimili da quelle dei motori a benzina.

Le nuove regole che si profilano, in corso di negoziazione tra le istituzioni europee, vanno in questa direzione, così come l’estendersi dei bandi decretati da molte città europee per i centri storici (e non solo). L’esempio più recente arriva dall’Italia settentrionale. Per porre rimedio allo sforamento dei limiti alle emissioni di Pm 10 il comune di Milano ha bloccato la circolazione delle auto con motori Diesel Euro 4.

Il problema riguarda da vicino non solo chi le auto le usa, ma anche chi le fabbrica. Le grandi case europee stanno riorientando la produzione a favore dell’elettico e dell’ibrido, Fca compresa. Ma la transizione tecnologica impone scelte difficili e probabilmente non indolori. In tutta Europa l’andamento del mercato dell’auto è declinante, anche se gli ultimi dati relativi a settembre, quando e vendite sono calate di oltre il 23%, non vanno drammatizzati in quanto hanno probabilmente risentito dell’entrata in vigore del Wltp, il nuovo standard di omologazione delle emissioni. In Italia, però, il rallentamento è più marcato, complici le difficoltà di Fca.

La riconversione tecnologica del Lingotto sarà uno degli argomenti di cui il 31 ottobre i sindacati discuteranno con Luigi Di Maio al tavolo convocato al ministero dello Sviluppo Economico. Negli ultimi mesi l’impiego degli ammortizzatori sociali è aumentato e le sigle dei metalmeccanici vogliono capire che cosa ha in mente il governo sulla trasformazione che attende l’automotive.

La scelta di orientarsi verso l’elettrico (il diesel uscirà di scena nel 2021, eccetto che per i veicolo commerciali) è arrivata dopo non poche esitazioni. Negli anni passati Fca ha guardato con scarso entusiasmo alle motorizzazioni alternative, puntando esclusivamente su gpl e metano. Ma i dati di settembre indicano che proprio gpl e metano sono stati i più penalizzati dai consumatori. Se si avverassero gli auspici di Transport & Enviroment - stretta fiscale e magari l’estensione del blocco alla circolazione anche ai motori alimentati a gas - correre ai ripari non sarebbe facile.

( 24 ottobre 2018 )

Mostre

La cartografia e la famiglia De Agostini

 Le carte geografiche della De Agostini hanno segnato un’in tera epoca, a cui oggi, nel mondo dominato dalla digitalizzazione e dai satellitari, guardiamo con una certa nostalgia

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Eventi

Torna Milano MuseoCity

Dal primo marzo la manifestazione promossa dal Comune con l’obiettivo di valorizzare gli spazi espositivi della città e del territorio limitrofo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Il capolavoro scomparso

“Il collezionista” è la riprova del talento di Daniel Silva e la conferma che la letteratura di spionaggio costituisce l’unica forma letteraria di rilettura e interpretazione geopolitica di questa epoca

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it