Venerdì 24 maggio 2024, ore 16:13

Economia 

Benzina, taglio di accise rinviato 

I distributori di benzina, a tutela dei consumatori, dovranno esporre il prezzo medio nazionale dei carburanti che ogni giorno verrà elaborato dal ministero dell’Ambiente. Sulla rete autostradale, invece, si va verso un tetto agli aumenti del costo alla pompa. Il Consiglio dei ministri ha varato martedì sera un decreto con cui il governo Meloni prova a rispondere all’ondata di rincari sul prezzo dei carburanti partita da inizio anno, quando è terminato lo sconto sulle accise che era in vigore dallo scorso marzo. Il provvedimento dispone che le stazioni di servizio dovranno esporre dei cartelli con il prezzo medio di vendita, a fianco a quello proposto dal singolo gestore. L’Antitrust vigilerà sull’assenza di possibili cartelli sul prezzo da parte dei benzinai, mentre la Guardia di Finanza effettuerà controlli sul rispetto della norma. In caso di violazione sono previste sanzioni, mentre l’accertamento di una recidività potrebbe portare alla sospensione delle attività per un periodo minimo di 7 ed uno massimo di 90 giorni. .
Per dare sostegno ai consumatori il provvedimento, proposto dal ministro dell’Economia Giorgetti, rinnova per il primo trimestre del 2023 i buoni benzina per un valore massimo di 200 euro per lavoratore dipendente. La rilevazione del ministero dell’Ambiente del 9 gennaio scorso, quindi dopo la reintroduzione delle accise, vede il prezzo della benzina a 1,812 euro/litro, dove la componente fiscale è pari a 1,055 euro/litro mentre quella industriale 0,757 euro/litro.
La premier Meloni rivendica la scelta (”di giustizia sociale”) di non aver tagliato le accise, intervento da 10 miliardi, per ”concentrare le risorse su chi ne aveva più bisogno”. Per tagliare le accise ”non avremmo potuto aumentare il fondo sulla sanità, la platea delle famiglie per calmierare le bollette domestiche, per i crediti delle pmi: tutte queste misure sarebbero state cancellate per prevedere il taglio della accise”, sottolinea Meloni che aggiunge: ”La maggior parte dei benzinai è onesta e responsabile e a tutela loro dobbiamo intervenire. In Cdm abbiamo deciso di rafforzare le norme sanzionatorie per chi non adempie alle comunicazioni previste dalla legge e abbiamo stabilito che ogni benzinaio esponga il prezzo medio giornaliero”. ".
Nel centrodestra sono però affiorate differenze sulla ricetta giusta per uscire da questa situazione. E non solo: emergono anche visioni diverse sulle cause del problema stesso. La premier e la Lega sono convinti che i rincari siano frutto di speculazioni: e per questo l’intervento sulla trasparenza del mercato a vantaggio dei consumatori è stato esaminato e varato del Consiglio dei ministri. Forza Italia pensa che il problema non sia causato dall'avidità dei concessionari ma dalle accise. Tuttavia il vicepremier e ministro degli Esteri, l’azzurro Tajani si pone sulla tessa linea della Meloni: ”Il taglio alle accise costa un miliardo al mese, questo significa 12 miliardi l'anno, di fatto quasi una manovra, soldi che il Governo ha deciso di usare per aiutare le fasce sociali più deboli, il ceto medio, aumentando le pensioni minime e tagliando il cuneo fiscale, aiutando così l’economia reale”.
Critiche le opposizioni. Il M5s parla di ”scaricabarile nei confronti dei gestori da parte di un governo che dopo 3 mesi già marcia fuori strada”. Mentre dal Pd il coordinatore dei sindaci dem Ricci parla di ”maggioranza in tilt, prima cercano i responsabili delle speculazioni sulla benzina e poi scoprono che sono loro”.
Intanto, il dibattito-scontro va avanti non solo tra i partiti: l’Antitrust chiede alla Gdf la documentazione di violazioni accertate", il ministero dell'Ambiente diffonde dei dati secondo cui l'aumento dei prezzi, nella prima settimana di gennaio, è sostanzialmente in linea con il rialzo dovuto alla mancata proroga del taglio delle accise. Il leader della Cisl Sbarra apprezza la stretta del Governo sui prezzi dei carburanti, con verifiche a tappeto sui rivenditori. E aggiunge: “Bisogna andare fino in fondo, rendere i controlli capillari, dare continuità al monitoraggio ed estenderlo anche ad altre filiere colpite dalla speculazione: dai generi alimentari a tanti beni primari e di largo consumo”. Allo stesso tempo, secondo Sbarra, “vanno prorogati strumenti per calmierare e assorbire parzialmente l'impatto di questa escalation su redditi, salari e pensioni. Significa ripristinare il taglio delle accise, disboscare i balzelli non coerenti al comparto energetico, confermare l'abolizione degli oneri generali di sistema”.
Ieri intanto la Camera ha votato la fiducia al Governo sul decreto Aiuti quater. Il decreto ha prorogato fino al 31 dicembre 2022 le misure a favore di famiglie e imprese per fronteggiare il caro energia, gran parte delle quali sono state ricomprese nella legge di bilancio per i primi tre mesi del 2023. Il provvedimento, che ha già avuto l’ok del Senato, avrà oggi il via libera definitivo.
Giampiero Guadagni

( 11 gennaio 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il passato remoto è il tempo ideale della narrazione e non a caso nelle coniugazioni verbali greche e latine veniva chiamato “perfetto”

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

L’uomo giusto al momento sbagliato

La storia di Vincenzo Tiberio, il medico italiano che primo fra tutti, nel 1895, quindi 34 anni prima di Alexander Fleming, scoprì l’impor tanza di alcune muffe e sperimentò il loro potere antibiotico

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

La condanna e la salvezza

Silvia Avallone: dopo il male si può rinascere: l’occhio è il fulcro dell’indagine fenomenologica

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it