Mercoledì 12 giugno 2024, ore 17:10

Meeting di Rimini 

Formazione baricentro della nuova cittadinanza 

Il lavoratore in azienda ”oggi cerca tre cose: dignità, benessere e protagonismo”. Così il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra nel suo intervento di domenica sera alla prima giornata del Meeting di Rimini al panel ”Competenze, talenti e partecipazione al lavoro”. Per il numero uno di Via Po ”la dignità di un salario adeguato e di un riconoscimento reale concreto, anche economico, dell’apporto della persona ai risultati dell'azienda. Il benessere di un ecosistema sicuro, di una formazione continua e di qualità, di un welfare negoziato che lo accompagni anche fuori dal posto di lavoro, di flessibilità organizzative capaci di coniugare meglio genitorialità, tempo libero, e lavoro. E poi, il protagonismo di chi non è solo un ingranaggio e dunque ambisce a strumenti di partecipazione attiva e creativa, alla vita, agli utili, alle decisioni dell'impresa”. Questo, sottolinea Sbarra ”è il sentiero tracciato nella nostra proposta di legge sulla partecipazione su cui chiamiamo Governo, imprese, forze politiche a convergere responsabilmente in un ampio e costruttivo fronte per un cambiamento equo. Abbiamo bisogno della più grande campagna di 'emanicipazione' del lavoro, che richiede lo sblocco di massicci investimenti pubblici e privati per innalzare qualità e quantità dell'occupazione”. La formazione, la riqualificazione, l’innalzamento delle competenze sono ”chiavi di volta fondamentali” di questo percorso e baricentro di una nuova cittadinanza del lavoro.
In linea con quanto detto da Sbarra sono andate anche le testimonianze raccolte nel panel. E anche lo studio presentato da Randstad Italia: un salario ”corretto” e ”rispettoso” delle mansioni svolte è fuori da ogni dubbio. Ma un giovane che si presenta oggi a un colloquio di lavoro chiede all'azienda anche altri ”sostegni”: maggiore flessibilità di impegni e di orari, tanta formazione per rimanere al passo con i tempi che cambiano, un aiuto per affrontare le sfide della vita come l'arrivo di un figlio. Oggi e persone giovani cercano un equilibrio soddisfacente tra lavoro e vita privata. La prima domanda del candidato giovane è di conoscere la politica dello smart working dell'azienda. I lavoratori chiedono alle aziende di dare loro una ”formazione di qualità” perché hanno capito che quello che loro sanno oggi, probabilmente non sarà valido tra qualche anno.
Ma come agire per rispondere tempestivamente alle nuove istanze? Mauro Nori, capo di Gabinetto del Ministero del Lavoro, ha presentato i dati sulla situazione lavorativa in Italia. ”Da giugno 2022 a giugno 2023 abbiamo 385mila nuovi posti di lavoro, la maggior parte contratti a tempo indeterminato. Abbiamo una riduzione della disoccupazione di 178mila unità e una riduzione del tasso di inattività di 280mila unità. L'economia italiana ha dimostrato alla conclusione della pandemia di avere una capacità reattiva molto importante anche nell'ambito del mercato del lavoro”. Rimane, però, il problema legato all'inverno demografico: ”Dal 2023 al 2027 si stima che l'Italia avrà bisogno di 3,8 milioni nuovi lavoratori, di cui 2,7 in sostituzione di quelli che cesseranno. Occorrono allora risposte flessibili e capacità di dinamiche di aggiustamento delle competenze”. Per questo ”è antistorico presentare un modello legislativo sul salario minimo”.
E a proposito, Sbarra condivide il coinvolgimento del Cnel chiesto da Palazzo Chigi. Sottolineando che con la fissazione di una cifra minima in Gazzetta ufficiale ”si rischia una pezza peggiore del buco con l'esplosione del lavoro nero nelle fasce deboli, e un'uscita di massa dai contratti con una compressione verso il basso dei salari delle fasce medie”. Serve invece ”individuare le condizioni di un accordo ampio e condiviso anche su una possibile norma che rafforzi relazioni industriali ed estenda la contrattazione prevalente”.
Su qualunque tema sociale è necessario uscire dalla logica degli interventi spot. Ad esempio sulle pensioni. Il leader Cisl sollecita “una riforma della legge Fornero, partendo da una impostazione che metta in priorità il tema della previdenza per i giovani e le donne, incentivi la previdenza complementare, renda strutturale l'Ape sociale e negozi misure di flessibilità in uscita dal mercato del lavoro”.
Giampiero Guadagni

( 21 agosto 2023 )

Mostre

Giuseppe Mazzini e Silvestro Lega, vite del Risorgimento

Una mostra al Vittoriano accosta queste figure eccezionali del nostro Ottocento

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Cercare la vita in maniera vorace

È variegata l’umanità raccontata da Di Consoli, tanti i personaggi che fanno da sfondo a questi suoi racconti poetici, molti incontrati di notte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Giacomo Matteotti

A cento anni dall'assassinio

Intervista a Mimmo Franzinelli, storico del fascismo in libreria con un nuovo saggio

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it