Sabato 15 giugno 2024, ore 15:55

Sicurezza sul lavoro 

La prevenzione paga 

Oltre 333 milioni di euro di incentivi a fondo perduto per la realizzazione di progetti di miglioramento della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Questo quanto prevede la nuova edizione del Bando Isi 2022 dell’Inail. Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale dell’Avviso pubblico di finanziamento Isi 2022, l’Inail rinnova dunque il proprio sostegno alle aziende che scelgono di investire in prevenzione. Il nuovo bando, presentato dal presidente Bettoni alla presenza della ministra del Lavoro Calderone, porta oltre quota tre miliardi l'importo complessivo stanziato dall'Inail a partire dalla prima edizione del 2010. I fondi sono ripartiti in budget regionali/provinciali e suddivisi in cinque assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari e alla tipologia dei progetti che saranno realizzati. Ciascuna impresa può presentare una sola domanda, per un solo asse di finanziamento e per una sola tipologia di progetto. Per ogni progetto ammesso, il contributo Inail erogato in conto capitale può coprire fino al 65% delle spese sostenute fino a un massimo di 130 mila euro, sulla base dei parametri e degli importi minimi e massimi specificati dal bando per ciascun asse di intervento.
Sottolinea la Ministra Calderone: ”La ripresa delle denunce di infortuni sul lavoro avvenuta in concomitanza con la ripresa dell’attività lavorativa, dopo la pandemia, ci deve far riflettere. Il nostro obiettivo deve essere zero morti sul lavoro ed è un obiettivo che passa anche attraverso una grossa operazione di investimento in cultura della sicurezza”. La promozione della salute e della sicurezza ”è uno dei punti nevralgici per implementare un percorso di sviluppo del mondo del lavoro che sia basato davvero sul principio del lavoro dignitoso”. Ecco perché, aggiunge Calderone ”ho voluto attivare subito un Tavolo sulla salute e la sicurezza sul lavoro: è importante riflettere sulle modalità con cui noi oggi siamo in grado di far evolvere la normativa tenendo conto dei nuovi rischi e delle nuove incidenze di rischio rispetto ai nuovi modelli organizzativi”.
Per il leader della Cisl Sbarra ”il via libera al bando Inail è una notizia importante. L'auspicio è che sia il passo di un saldo cammino partecipato verso una maggiore responsabilità sociale delle imprese per contrastare una piaga che lo scorso anno ha portato a quasi 700 mila il numero degli infortuni denunciati all’Istituto, quasi il 30% in più rispetto all'anno precedente. Bisogna costruire un piano nazionale che garantisca il rafforzamento dell'esercito degli ispettori e il numero di ispezioni, metta a sistema la filiera della sicurezza facendo dialogare banche dati, Asl, Inl, enti e autonomie locali. Servono meccanismi di qualificazione delle imprese da collegare agli appalti e al Pnrr e fare un grande investimento sulla formazione e la prevenzione. Una svolta che passa anche dall'utilizzo dell'avanzo annuale del bilancio dell'Inail: circa 1 miliardo finanziato da lavoratori e imprese e assorbito nella contabilità dello Stato per coprire il debito pubblico. Risorse che vanno tenute dentro l'Istituto per varare programmi di formazione e prevenzione, allargare la platea degli assistiti e delle prestazioni, innalzare le rendite per gli infortuni e le malattie professionali. Anche su questo - conclude Sbarra - incalzeremo il governo nei prossimi incontri del tavolo sicurezza: la salute nei luoghi di lavoro è una battaglia di civiltà che deve vederci tutti uniti”.
Gli infortuni sul lavoro continuano dunque a rappresentare un dramma per il nostro Paese. Anche i dati del 2022 sono sconfortanti, con 1.090 morti e circa 700 mila denunce di infortunio. ”Oramai è da anni che non si riesce a fare significativi passi in avanti sul tema della sicurezza sui luoghi di lavoro”, afferma il segretario generale della Filca-Cisl, Enzo Pelle, commentando i dati diffusi dall'Inail.
”Nelle costruzioni - ha spiegato Pelle - il raffronto tra il 2021 e il 2022 segna un aumento delle denunce per infortunio, che passano da 29.223 a 34.760. La ripartenza del settore edile ha coinciso quindi con un sensibile aumento dell'indice infortunistico. Nel 2021 le vittime nel settore sono state 196, più di una ogni due giorni. Aspettiamo il dato consolidato del 2022 per una valutazione più approfondita, ma resta il dramma inaccettabile di centinaia di vittime, di decine di migliaia di lavoratori con danni permanenti, insieme all'aumento considerevole delle denunce di infortunio e delle malattie professionali”.
Per fermare questa scia di sangue arriva la proposta della Filca Cisl. Spiega Pelle: ”Bisogna puntare sulla cultura della sicurezza, avviando una Campagna preventiva nei cantieri temporanei e mobili, partendo dai casi più a rischio. La nostra proposta è quella di istituire una figura istituzionale che non abbia direttamente compiti repressivi, e che visiti i cantieri garantendo una presenza concreta e diffusa e creando così le condizioni per avviare il circolo virtuoso della sicurezza sul lavoro. Per fare questo bisogna assumere tecnici ad hoc come ingegneri, architetti e geometri che promuovano sicurezza e collaborino con tutte le figure previste dalla legge in questo delicato compito”. Questa attribuzione di ruolo in ambito di prevenzione, sottolinea ancora il sindacalista cislino, ”rappresenterebbe il segno tangibile di un impegno in prima linea dello Stato per prevenire gli infortuni in edilizia, un settore che conserva il triste primato delle vittime sul lavoro, e allo stesso tempo contribuirà a ridurre i costi sociali della sicurezza, che ammontano a decine di miliardi all'anno. Altri strumenti che possono dare un contributo in questa battaglia di civiltà sono la formazione a tutti i livelli e gli investimenti per sviluppare tecnologie e innovazioni per la sicurezza nei cantieri”. Conclude Pelle: ”Questi interventi, se attuati, possono far compiere un salto qualitativo al settore delle costruzioni per renderlo moderno, sostenibile, sicuro”.
Giampiero Guadagni

( 2 febbraio 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

L'800 Lombardo, da Hayez a Previati in mostra a Monza Orangerie-Villa Reale e Musei Civici

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Giuseppe Mazzini e Silvestro Lega, vite del Risorgimento

Una mostra al Vittoriano accosta queste figure eccezionali del nostro Ottocento

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Cercare la vita in maniera vorace

È variegata l’umanità raccontata da Di Consoli, tanti i personaggi che fanno da sfondo a questi suoi racconti poetici, molti incontrati di notte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it