Venerdì 24 gennaio 2020, ore 15:20

Quotidiano di informazione socio‑economica

Economia

La ripresa economica non produce benessere per le famiglie

La ripresa economica registrata negli ultimi anni non ha inciso sui livelli di benessere delle famiglie italiane e sulle relative disparità territoriali. È questo il quadro che emerge dal Barometro Cisl a livello regionale aggiornato al 4° trimestre 2017. Un disagio sociale sempre più diffuso che ha proiettato i suoi riflessi anche sui risultati delle ultime elezioni politiche del 4 marzo.

Nel corso del 2017, secondo il Barometro Cisl, c’è stata una progressiva frenata rispetto al moderato miglioramento degli indicatori che aveva caratterizzato il biennio 2015-16. Le famiglie, nelle diverse realtà regionali, hanno percepito poco la ripresa del Pil, perché questa tende a non tradursi direttamente ed immediatamente sul piano sociale.

Il rallentamento è evidente soprattutto per diverse regioni del Nord; mentre al Sud la situazione è anche peggiore perché in questi ultimi anni una “fase di miglioramento” di fatto non si è neppure percepita alla lontana.

Nel quarto trimestre 2017 tutte le regioni italiane - sottolinea la Cisl - presentavano ancora valori dell'indice di benessere largamente inferiori ai livelli pre-crisi. Rispetto ai valori registrati dall'indice nell'ultimo trimestre del 2007 molte regioni italiane conservano infatti scarti di oltre 5 punti percentuali; questa situazione si riscontra soprattutto al Centro-sud, ma non risparmia anche alcune importanti regioni del Nord come il Veneto e l'Emilia Romagna.

Il Radar delle Regioni mostra i movimenti relativi a tre momenti (IV trimestre 2007, 2014 e 2017). Dopo il punto di minimo nel 2014 quasi dappertutto in Italia si è verificato un recupero, che per alcune regioni è stato maggiore di altre: è il caso del Piemonte, della Lombardia e del Lazio che mostrano incrementi sopra i 4 punti percentuali; ma ci sono anche diversi casi di regioni più "stazionarie", quelle cioè che sono rimaste ferme sulle posizioni raggiunte tre anni fa: Val d'Aosta, Trentino Alto Adige, Umbria e Basilicata. Nel corso del 2017 in nessuna regione (a parte pochissime eccezioni) sembra essersi verificato alcun tipo di recupero per quanto riguarda le condizioni complessive di benessere. Le perdite di benessere e i divari territoriali risultano particolarmente "allarmanti" per il dominio del Lavoro e della Coesione sociale, dove alla fine del 2017 nessuna regione ha recuperato il livello dell'indice che si osservava nel 2007. L'unico dominio che può essere descritto in termini più positivi è quello dell'Istruzione, anche se - conclude la Cisl - non possiamo dimenticare le forti distanze rispetto all'Europa.

( 14 giugno 2018 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it