Venerdì 12 aprile 2024, ore 16:23

Economia 

Manovra sul tavolo del Cdm 

Taglio del cuneo rafforzato fino a 3 punti per i redditi bassi; superamento della legge Fornero con una soluzione ponte che vincola quota 41 al paletto dei 62 anni di età; una stretta sul reddito di cittadinanza per la quale si valuta anche il possibile taglio dell’assegno. Sono i capisaldi della manovra che il Consiglio dei ministri vara nella serata di lunedì. Una legge di bilancio di circa 32 miliardi, di cui i due terzi (21 miliardi in deficit) destinati all’emergenza energia. Sulle altre misure pende la scure delle coperture finanziarie, da trovare nello stesso settore di intervento. Tra i nodi più intricati quello dell’Iva, con l’ipotesi di azzerarla o ridurla su pane, pasta e latte. Una misura, da quasi mezzo miliardo ma che secondo i consumatori porterebbe nelle tasche dei cittadini un beneficio di soli 21 euro. Si ragiona anche sulla stretta (con la quale si cercano risorse per 1,5-2 miliardi) al Reddito di cittadinanza: l'aiuto resterà per i poveri, avviando una lotta ai furbetti del reddito. Per il resto, non sarà a vita e l'idea è di toglierlo agli occupabili con una fase transitoria di sei mesi. Tra le certezze, oltre al pacchetto dedicato all'energia (che contiene sconto benzina e crediti di imposta rafforzati per le imprese), per il cuneo fiscale si va verso una replica del taglio di 2 punti introdotto dal governo Draghi per i redditi fino a 35mila euro, mentre il taglio sarà incrementato a 3 punti per le fasce più fragili, con reddito inferiore a 20mila euro. Il beneficio, ha assicurato fino all’ultimo il sottosegretario Fazzolari, sarà ”tutto a sostegno del lavoratore”. Per le pensioni la formula trovata per superare la legge Fornero è 41 + 62: una soluzione ponte, per dedicare l'anno prossimo a mettere in piedi una riforma pensionistica complessiva insieme alle parti sociali. Sulla flat tax resta confermato l'aumento della soglia (da 65 a 85mila euro) per autonomi e partite Iva. Nella tanto voluta ”tregua fiscale” rimane l’azzeramento delle cartelle sotto i mille euro, mentre è accantonato lo scudo fiscale per i capitali all'estero. Per le famiglie incremento dell’assegno unico e ad un intervento sui congedi parentali. Rimodulati gli extraprofitti. Il Governo sta lavorando anche a una norma di price cap nazionale sull'energia, anche in vista della riunione del Consiglio straordinario del 24 novembre quando i ministri dell'Energia dei 27 Paesi Ue torneranno a riunirsi per discutere le proposte dalla Commissione europea.
I sindacati tengono altissima la guardia. Sottolinea il segretario generale della Cisl Sbarra: ”I provvedimenti di sostegno introdotti in questi mesi sono importanti, ma non bastano. Bisogna confermare ed elevare la decontribuzione del 2% sul cuneo fiscale, operare un deciso taglio delle tasse su lavoro e pensioni, centrare gli obiettivi del Pnrr generando buona occupazione specialmente in un Mezzogiorno privo di infrastrutture materiali e sociali. Si devono rilanciare le politiche di welfare, la scuola, la sanità pubblica, il sostegno alla non autosufficienza. Vanno detassati gli accordi di produttività e sterilizzata l'Iva sull'acquisto di beni di largo consumo per le fasce deboli. Misure da finanziare - conclude Sbarra - intensificando la lotta all'evasione fiscale, elevando la tassazione sugli extraprofitti energetici allargandola anche alle multinazionali della logistica e dell'economia digitale. Altre risorse possono essere reperite dalla verifica dei decreti passati, finanziati ma inattuati o a scarso tiraggio”.
Da parte sua il presidente di Confindustria Bonomi apprezza l’intenzione di mettere tutte l risorse disponibili sul caro bollette per imprese e famiglie. Ma chiede un ”intervento choc” sul cuneo fiscale, ”un investimento da 16 miliardi, due terzi a favore dei lavoratori, un terzo a favore delle imprese”.
Giampiero Guadagni

( 21 novembre 2022 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Nel “Discorso sul metodo” Cartesio non fissa solo sul modello delle matematiche i principi del conoscere ma anche quelli della morale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un romanzo fatto di antieroi

Marco Lodoli torna in libreria con il suo nuovo attesissimo romanzo. Ambientato in un Liceo di periferia, la storia narra di una bidella che si innamora perdutamente del nuovo professore di Lettere

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Piero della Francesca. Il polittico agostiniano riunito

In mostra al Museo Poldi Pezzoli-Milano, per la prima volta nella storia, otto tavole provenienti da cinque musei internazionali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it