Martedì 28 maggio 2024, ore 12:11

Conti pubblici 

Pil, prezzi, occupazione: prospettive incerte 

La Banca d’Italia migliora ancora la stima per il pil del 2022 che dovrebbe essere salito del 3,9%; mentre, per il 2023, l'economia frenerà a +0,6%, qualche punto in più comunque del +0,4% previsto a dicembre e del +0,3% di ottobre. Queste le previsioni nello scenario base del bollettino economico dell’Istituto centrale secondo cui invece, nel 2024, la stima è corretta leggermente al ribasso (+1,2%) a causa di un incremento più contenuto dei consumi. In caso di scenario avverso con l’arresto delle forniture di energia dalla Russia, il Pil si ridurrebbe di quasi l’1% sia nel 2023 sia nel 2024 e crescerebbe moderatamente nel 2024. Il caro energia, spiega Via Nazionale, è responsabile per oltre due terzi dell'inflazione in Italia.
Disoccupazione stabile quest’anno all'8,2%. Nel 2024 il tasso di disoccupazione dovrebbe ridursi al 7,9% e nel 2025 il calo dovrebbe proseguire con un 7,6%. Sempre secondo Bankitalia, il numero di occupati è tornato ad aumentare lievemente nel bimestre ottobre-novembre, ancora sostenuto dalla componente a tempo indeterminato per effetto delle trasformazioni delle posizioni temporanee avviate nel 2021. L'andamento delle retribuzioni si conferma contenuto, anche per il protrarsi dei processi negoziali nei servizi, dove è ancora alta la quota di dipendenti in attesa di rinnovo del contratto collettivo. Nel 2023 la dinamica salariale accelererebbe moderatamente.
La complessità della situazione e le prospettive inverte sono confermate dall’indagine congiunturale di Confcommercio, secondo la quale prosegue la fase di ”contraddizione” tra le evidenze emergenti dagli indicatori congiunturali. A una fiducia in forte risalita si contrappone l’azzeramento della crescita dei consumi nell'ultimo quarto del 2022. Produzione e occupazione sarebbero in riduzione tra novembre scorso e l'attuale mese di gennaio, eppure segnali molto favorevoli si riscontrano sul versante dell’inflazione, molto elevata ma probabilmente in significativa riduzione nei prossimi mesi. Ma l’importante eredità del 2022 e la perdurante crescita dell'inflazione di fondo rendono, comunque, difficile ipotizzare una crescita dei prezzi nella media del 2023 sotto il 6%. In linea con un deterioramento mostrato dai principali indicatori nella parte finale dello scorso anno, a gennaio il Pil, secondo Confcommercio, dovrebbe registrare una riduzione dello 0,9% congiunturale e una crescita dello 0,4% nel confronto annuo, ponendo le premesse per un primo trimestre recessivo. Nonostante l'erosione del potere d'acquisto l’atteggiamento delle famiglie resta positivo e non si avvertono cambiamenti radicali nei comportamenti d'acquisto.
Di fronte ad una inflazione che continua ad erodere salari e pensioni la Cisl da parte sua insiste a chiedere un grande patto per una nuova politica dei redditi. Secondo il numero uno di Via Po Sbarra bisogna affrontare i temi di ”come governiamo l'emergenza, che significa mettere sotto controllo prezzi e tariffe, arginare la speculazione, sterilizzare gli oneri di sistema, ripristinare il taglio delle accise sul prezzo del carburante e allargare la sorveglianza ai beni alimentari e di largo consumo”. Poi ”serve un altro intervento di medio-lungo periodo: tagliare il cuneo fiscale, portandolo a cinque punti tutti concentrati sul lavoro; rinnovare i contratti pubblici e privati; detassare i frutti della contrattazione; accelerare gli investimenti per la crescita, recuperare produttività e redistribuirla”.
Intanto cambia il vertice del Tesoro: esce di scena Alessandro Rivera, arriva Riccardo Barbieri, capoeconomista del Ministero che da anni mette a punto le stime del Def e della Nadef. Per la Ragioneria dello Stato riconfermato Biagio Mazzotta.
Giampiero Guadagni

( 20 gennaio 2023 )

La Biblioteca Ambrosiana

Uno scrigno prezioso

Oggi conta circa un milione di volumi a stampa, soprattutto di fondo antico (incunaboli e cinquecentine), e trentacinquemila manoscritti

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il passato remoto è il tempo ideale della narrazione e non a caso nelle coniugazioni verbali greche e latine veniva chiamato “perfetto”

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

L’uomo giusto al momento sbagliato

La storia di Vincenzo Tiberio, il medico italiano che primo fra tutti, nel 1895, quindi 34 anni prima di Alexander Fleming, scoprì l’impor tanza di alcune muffe e sperimentò il loro potere antibiotico

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it