Venerdì 12 aprile 2024, ore 15:51

Economia 

Pnrr: erogata la terza rata da 18,5 miliardi 

La Commissione europea ha confermato di aver erogato il terzo pagamento all'Italia per 18,5 miliardi di euro nell’ambito del Pnrr. Il pagamento, che comprende sia sovvenzioni sia prestiti, è stato reso possibile dal raggiungimento da parte dell'Italia delle 39 tappe intermedie e dei 15 obiettivi finali legati alla terza rata. Queste tappe e obiettivi riguardano diverse riforme chiave: concorrenza, giustizia, istruzione, lavoro sommerso, gestione idrica; nonché investimenti trasformativi nella digitalizzazione, in particolare per quanto riguarda la pubblica amministrazione e la sicurezza informatica, le energie rinnovabili, le reti elettriche, le ferrovie, la ricerca, il turismo, i servizi urbani rigenerazione e politiche sociali. La richiesta per il pagamento della terza rata del Pnrr era stata presentata dall’Italia il 30 dicembre 2022. Il 28 luglio scorso la Commissione aveva adottato una valutazione preliminare positiva della richiesta di pagamento. In agosto Roma aveva chiesto e ottenuto una revisione mirata del Pnrr italiano, Il piano complessivo di ripresa e resilienza dell'Italia prevede finanziamenti per 191,6 miliardi di euro complessivi (69 miliardi di euro sotto forma di sovvenzioni e 122,6 miliardi di euro sotto forma di prestiti). Ad oggi, la Commissione ha erogato all'Italia 85,4 miliardi di euro, di cui 24,9 miliardi di euro di prefinanziamenti ricevuti nell'agosto 2021, 21 miliardi di euro con la prima richiesta di pagamento, 21 miliardi di euro con la seconda richiesta di pagamento e i 18,5 miliardi erogati oggi per la terza richiesta di pagamento.
Naturalmente soddisfatta la premier Meloni, per la quale ”l’Italia torna a credere nelle sue capacità”.
Intanto l’Esecutivo è sempre a caccia di risorse in vista della manovra economica. In particolare sul fronte della sanità, con l’obiettivo indicato dalla premier e dal Mef di ricavare almeno 1 miliardo. Tra le fonti di gettito non figureranno la plastic e la sugar tax. Le due imposte, i cui ricavi sono stimati circa 600 milioni annui, erano state istituite dal secondo governo Conte nel 2019 ma l'entrata in vigore è poi stata sempre prorogata: accadrà anche questa volta. Sul fronte delle pensioni, accantonata l’ipotesi di quota 41, si ragiona sulla proroga di quota 103 e si stanno anche facendo i conti su Quota 84 (64 anni di età e 20 di contributi) per le donne. Sempre in bilico l’anticipo della detassazione delle tredicesime. Le uniche certezze sulla legge di bilancio, al momento, sono il taglio del cuneo per un anno per i redditi fino a 35mila euro, l'avvio della riforma Irpef e le misure per le famiglie.
Intanto audizioni in corso alle commissioni Bilancio di Senato e Camera sulla Nadef. Per il presidente dell’Istat Chelli ”nel complesso, la Nadef proietta le finanze pubbliche lungo un percorso di convergenza e ritorno ai vincoli europei”. Gli indicatori congiunturali più recenti ”suggeriscono per i prossimi mesi il permanere della fase di debolezza dell'economia italiana”. Lo stimolo agli investimenti fornito dalle risorse del Pnrr ”dovrebbe manifestarsi più compiutamente a partire dal 2024; la realizzazione di investimenti pubblici e riforme previste dal Pnrr sarà oltremodo rilevante per il raggiungimento degli obiettivi di crescita previsti dal Governo”. Sottolinea il presidente dell’Istat: ”Sebbene in calo generalizzato dalla fine dello scorso anno, il clima di incertezza rimane su livelli elevati”.
Nella stessa sede, il presidente del Cnel Brunetta afferma che ”la Nadef era seria e responsabile, prendeva atto del rallentamento dell'inflazione, del superbonus e dava un percorso di stabilizzazione. Ma alla luce del quadro geopoliticoe e di quello che sta accadendo in queste ore non sappiamo ancora se sia sufficiente”. Il presidente del Cnel chiede al Governo di rivedere bonus e detrazioni (”ccstano circa 120 miliardi) per creare spazio alla riforma fiscale. Per Brunetta ”la politica non ha margine per manovre fiscali espansive di spesa corrente. Il Pnrr è l'unico punto fisso e risolutore a disposizione, almeno nel breve periodo”.
Giampiero Guadagni

( 9 ottobre 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Nel “Discorso sul metodo” Cartesio non fissa solo sul modello delle matematiche i principi del conoscere ma anche quelli della morale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un romanzo fatto di antieroi

Marco Lodoli torna in libreria con il suo nuovo attesissimo romanzo. Ambientato in un Liceo di periferia, la storia narra di una bidella che si innamora perdutamente del nuovo professore di Lettere

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Piero della Francesca. Il polittico agostiniano riunito

In mostra al Museo Poldi Pezzoli-Milano, per la prima volta nella storia, otto tavole provenienti da cinque musei internazionali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it