Domenica 29 marzo 2020, ore 9:49

Quotidiano di informazione socio‑economica

Migranti

Emergenza sbarchi. Ministri Ue riuniti a Tallin

Dopo la raffica di 'no' dei Paesi europei ad aprire i propri porti alle navi che trasportano i migranti, c’è poco da aspettarsi per l’Italia dal vertice di Tallin, in termini di risposta alla crisi imigratoria e all'emergenza sbarchi sulle nostre coste. Eppure qualche passo avanti, ancorché timido, ci sarà: intanto dovrebbe essere avallato politicamente, con l'accordo dei ministri dei Ventotto, il “Piano d'azione” che la Commissione europea ha presentato martedì a Strasburgo. E poi c'è la constatazione che sulla crisi migratoria gli Stati membri, divisi e incapaci di solidarietà vera nei confronti dell'Italia con una condivisione degli oneri "all'interno" dell'Ue, sono almeno uniti e sempre più convinti sulla strategia esterna per affrontare il fenomeno e ridurre i flussi: con iniziative come il training e il rafforzamento della guardia costiera libica, gli accordi di cooperazione e di riammissione con i paesi di origine e di transito, gli incentivi a Tunisia e Libia per convincerli a creare delle proprie zone di ricerca e soccorso in mare.

Il codice di condotta per le Ong a cui sta lavorando il governo italiano - e che non sarà pronto per la riunione di Tallin, ma potrà essere illustrato a grandi linee ai ministri dell'Ue - prevede una serie di condizioni che le navi impegnate nella ricerca e soccorso in mare dovranno rispettare per poter attraccare nei porti italiani. Sarà vietato alle Ong fare segnali luminosi verso la costa, telefonare ai migranti in partenza per prendere accordi, spegnere il transponder che segnala la posizione in mare visibile ai mezzi di Frontex; e sarà obbligatorio prendere a bordo gli ufficiali di polizia giudiziaria che conducono inchieste sui trafficanti.

( 6 luglio 2017 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it