Giovedì 22 febbraio 2024, ore 2:35

Bruxelles 

L’Ue approva il “Chips Act” e lancia la sfida ad Asia e Usa  

È un modo di "prendere in mano il suo destino" e sfidare a viso aperto gli ancora irraggiungibili giganti asiatici e i maxi-sussidi di Washington. L'Europa taglia il traguardo sul Chips Act e punta dritta a intercettare i mercati del futuro per emanciparsi dal ruolo di vassallo e reggersi sempre di più sulle proprie gambe. Un piano da quasi 50 miliardi di euro in denaro pubblico e privato che, con la benedizione del Parlamento europeo e dei governi nazionali arrivata a tempo record, è pronto ora a spingere la produzione europea dei semiconduttori portandola a raddoppiare dal 10% su scala globale di oggi al 20% entro la fine del decennio.

E, a rafforzare la sovranità tech del Continente, arriva anche il nuovo cyber-scudo per proteggere i Ventisette dagli attacchi informatici e dalle interferenze straniere. Su un terreno segnato dallo strapotere di Cina, Taiwan e Corea del Sud nella produzione mondiale dei chip, la vulnerabilità dell'Ue si è fatta via via più evidente con le crescenti incertezze geopolitiche alimentate dall'aggressione della Russia in Ucraina. Anni di dipendenza dall'Asia e mesi di strozzature nella filiera - tra caro energia e tagli alle forniture - che hanno convinto Bruxelles a scommettere su una controffensiva presentata nel febbraio 2022 e che ora può vedere la luce.

Sul piatto del tessuto industriale continentale ci sono 43 miliardi di euro in investimenti, di cui 3,3 miliardi dal bilancio dell'Ue, a cui si aggiunge un fondo da 5 miliardi di euro dedicato alle start-up, e poi mega-impianti ancora tutti da costruire, e nuove regole commerciali già validate che aprono i rubinetti degli aiuti di Stato alle aziende che vorranno contribuire alla causa, scongiurando una fuga oltreoceano nelle braccia dell'amministrazione Biden e del suo pacchetto di aiuti da 369 miliardi di dollari.

La sfida dei chip - affiancata dal Critical Raw Material Act presentato a marzo per aumentare l'estrazione delle materie prime strategiche sul suolo europeo - avrà, nella visione della presidente Ursula von der Leyen, un effetto domino sull'Ue portandola a rafforzare "la resilienza e la sovranità digitale" con "un'industria tecnologica pulita" tutta 'in house'. E permettendole,negli auspici del commissario Ue per il Mercato interno, Thierry Breton, e della presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, di "prendere in mano il proprio destino e stimolare gli investimenti". A patto però di riuscire a creare quei campioni europei più volte idealizzati per competere con Cina e Stati Uniti senza frammentare il mercato unico a svantaggio di chi deve fare i conti con cordoni della borsa più corti.

Un rischio evocato più volte negli ultimi mesi e già evidente nei primi annunci dell'americana Intel, pronta a offrire a Magdeburgo 17 miliardi di euro per una mega fab capace di trasformare il land tedesco della Sassonia-Anhalt nel centro europeo dei semiconduttori.

Rodolfo Ricci

( 19 aprile 2023 )

Mostre

Un antropologo che fa il fotografo

Al MUDEC Milano una coloratissima monografica dedicata a Martin Parr

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Filosofia

Schopenhauer: l’età del disincanto

C’è una via d’uscita dal dolore in cui versa la condizione umana, di cui tutti soffrono indipendentemente dalle circostanze esterne e dalla posizione sociale?

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Una bussola orientativa

Per la collana Voci, Treccani libri presenta il saggio di Claudio Magris, analisi della narrativa come forma letteraria tra la fine del XIX e la metà del XX secolo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it