Lunedì 22 luglio 2024, ore 10:34

Bruxelles 

L’Ue approva il “Chips Act” e lancia la sfida ad Asia e Usa  

È un modo di "prendere in mano il suo destino" e sfidare a viso aperto gli ancora irraggiungibili giganti asiatici e i maxi-sussidi di Washington. L'Europa taglia il traguardo sul Chips Act e punta dritta a intercettare i mercati del futuro per emanciparsi dal ruolo di vassallo e reggersi sempre di più sulle proprie gambe. Un piano da quasi 50 miliardi di euro in denaro pubblico e privato che, con la benedizione del Parlamento europeo e dei governi nazionali arrivata a tempo record, è pronto ora a spingere la produzione europea dei semiconduttori portandola a raddoppiare dal 10% su scala globale di oggi al 20% entro la fine del decennio.

E, a rafforzare la sovranità tech del Continente, arriva anche il nuovo cyber-scudo per proteggere i Ventisette dagli attacchi informatici e dalle interferenze straniere. Su un terreno segnato dallo strapotere di Cina, Taiwan e Corea del Sud nella produzione mondiale dei chip, la vulnerabilità dell'Ue si è fatta via via più evidente con le crescenti incertezze geopolitiche alimentate dall'aggressione della Russia in Ucraina. Anni di dipendenza dall'Asia e mesi di strozzature nella filiera - tra caro energia e tagli alle forniture - che hanno convinto Bruxelles a scommettere su una controffensiva presentata nel febbraio 2022 e che ora può vedere la luce.

Sul piatto del tessuto industriale continentale ci sono 43 miliardi di euro in investimenti, di cui 3,3 miliardi dal bilancio dell'Ue, a cui si aggiunge un fondo da 5 miliardi di euro dedicato alle start-up, e poi mega-impianti ancora tutti da costruire, e nuove regole commerciali già validate che aprono i rubinetti degli aiuti di Stato alle aziende che vorranno contribuire alla causa, scongiurando una fuga oltreoceano nelle braccia dell'amministrazione Biden e del suo pacchetto di aiuti da 369 miliardi di dollari.

La sfida dei chip - affiancata dal Critical Raw Material Act presentato a marzo per aumentare l'estrazione delle materie prime strategiche sul suolo europeo - avrà, nella visione della presidente Ursula von der Leyen, un effetto domino sull'Ue portandola a rafforzare "la resilienza e la sovranità digitale" con "un'industria tecnologica pulita" tutta 'in house'. E permettendole,negli auspici del commissario Ue per il Mercato interno, Thierry Breton, e della presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, di "prendere in mano il proprio destino e stimolare gli investimenti". A patto però di riuscire a creare quei campioni europei più volte idealizzati per competere con Cina e Stati Uniti senza frammentare il mercato unico a svantaggio di chi deve fare i conti con cordoni della borsa più corti.

Un rischio evocato più volte negli ultimi mesi e già evidente nei primi annunci dell'americana Intel, pronta a offrire a Magdeburgo 17 miliardi di euro per una mega fab capace di trasformare il land tedesco della Sassonia-Anhalt nel centro europeo dei semiconduttori.

Rodolfo Ricci

( 19 aprile 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Gae Aulenti è stata una della principali protagoniste della storia dell’architettura e del design del Novecento

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

La ricerca della verità

“Chi dice e chi tace”, di Chiara Valerio, uno romanzo che sbaraglia molta pseudoletteratura lacrimosa 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Cinema

Simenon-Maigret e lo schermo

Fra i molti attori che hanno interpretato il commissario colui che più di tutti rispondeva all'ideale dello scrittore francese è stato, per sua ammissione, Gino Cervi

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it