Martedì 16 luglio 2024, ore 8:08

Guerra 

Scattano embargo Ue sul greggio russo e “price cap” a 60 dollari 

L'embargo al petrolio russo (via mare) dell' Ue e il 'price cap' a 60 dollari al barile entrano in vigore. E, fra l'incertezza sull'impatto che le nuove misure avranno, l'Opec+ prende tempo e mantiene invariati gli attuali livelli di produzione, lasciandosi però la porta aperta a un intervento in qualsiasi momento a seconda delle condizioni del mercato. In una breve riunione virtuale i 13 paesi dell'Opec e il blocco guidato dalla Russia hanno optato per mantenere lo status quo di fronte all'imprevedibilità della domanda fra le restrizioni a Mosca, i lockdown da Covid in Cina e il rallentamento dell'economia globale. Una mossa attesa dagli analisti, secondo i quali l'atteggiamento 'wait and see' dell'Opec+ ha senso in attesa di capire l'impatto pieno delle nuove misure contro la Russia.

"Di fronte ai grandi rischi geopolitici che pesano sul mercato del petrolio, l'Opec+ ha comprensibilmente ritenuto di tenere duro" e mantenere i livelli di produzione decisi in ottobre, spiegano alcuni analisti notando come sul mercato pesa anche l'incognita Cina, il maggiore importatore di petrolio al mondo. I lockdown da Covid hanno rallentato e possono continuare a frenare l'economia cinese, rendendola di fatto meno affamata di greggio. L'impatto reale dell'embargo europeo e del 'price cap' (fissato comunque a un livello superiore dei 50 dollari a cui è scambiato il greggio degli Urali) non è ancora chiaro, ma Mosca ha ribadito chiaramente anche al termine dell'Opec+ che non intende vendere il suo oro nero a nessuno di coloro che adotta il tetto ai prezzi. "Venderemo petrolio e prodotti petroliferi ai Paesi che lavorano con noi sulla base delle condizioni di mercato anche se questo volesse dire che dobbiamo ridurre un pò la produzione", ha detto il vice primo ministro russo Alexander Novak. I trader prevedono un calo delle esportazioni petrolifere russe nei prossimi mesi e l'entità del calo determinerà probabilmente l'andamento del prezzo del petrolio nel 2023, ovvero se le quotazioni affonderanno o saliranno.

"Non sappiamo se il 'price cap' eviterà distruzioni sul mercato o se Mosca ha qualcosa di ancora più distruttivo in cantiere", mette in evidenza Helima Croft, ex analista della Cia ora a Rbc Capital Markets, con il Financial Times. Il timore è quello di un calo delle quotazioni in grado di convincere l'Arabia Saudita a intervenire per difendere i prezzi, infliggendo così un duro colpo alla speranza di un'inflazione più contenuta in molte economie il prossimo anno. Gli effetti? Corre il prezzo del petrolio, con le quotazioni del barile in rialzo di oltre il 2% nonostante la decisione dell'Opec+ di non tagliare ulteriormente la produzione. A spingere il valore dell'oro nero - il wti sale del 2,1% a 81,67 dollari al barile e il brent del 2% a 87,28 dollari - sono i segnali di riapertura che continuano ad arrivare dalla Cina e che sostiene anche l'andamento di alcuni metalli, come lo zinco (+1,7%), il rame (+0,4%) e il platino (+0,6%). Continua a salire anche il prezzo del gas, in scia all'irriggidimento delle temperature in Europa e alla riduzione degli stoccaggi.

Rodolfo Ricci

( 5 dicembre 2022 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Un provvidenziale viatico per esplorare in lungo e in largo le innumerevoli potenzialità del tomismo, il suo lascito semantico lungo e prezioso

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un’originale escursione letteraria

Interessante excursus che sviluppa il confronto tra due mondi che la storia ha da sempre visto come contrapposti, Francia e Germania

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Muoversi fra il reale e il fantastico

L’aristocratica, il cavaliere, il religioso sono solo alcuni dei personaggi che si incontrano fra le pagine di “Viaggiare nel Medioevo” 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it