Domenica 3 dicembre 2023, ore 2:22

Europa 

Ue: intesa vicina su Patto migranti ma sale lo scontro Roma-Berlino 

Accordo sfiorato a Bruxelles sulla questione migranti, passi in avanti ma ancora non c’è l’intesa definitiva. "Nessun via libera affrettato, il testo va approfondito". Dopo l'ok arrivato dal cancelliere tedesco Olaf Scholz al regolamento sulla gestione delle crisi è stata l'Italia a frenare sull'intesa chiave per la finalizzazione del Patto sulla migrazione e l'asilo. La proposta di compromesso avanzata dagli spagnoli ha convinto Berlino ma, evidentemente, non ancora Giorgia Meloni. E in un punto, quello che esclude i salvataggi delle Ong da situazioni di strumentalizzazione della migrazione da parte dei Paesi terzi, rischia seriamente di trovare l'opposizione del governo. Lo scontro con la Germania sulle attività delle organizzazioni non governative resta infatti altissimo.

Un tema da campagna elettorale per le elezioni europee del 2024, molto importanti per i futuri assetti dell’Europa. Palazzo Chigi si è detta "sorpresa" che, proprio mentre a Bruxelles era in corso il vertice decisivo per l'ok al Patto sui migranti, nel Mediterraneo navigavano 7 navi gestite dalle ong e battenti bandiera tedesca, delle quali quattro in area Sar italiana. "La notizia delle 7 navi delle Ong battenti bandiera tedesca conferma i nostri timori. È una coincidenza? Cosa c'è dietro? C'è un interesse elettorale? Di altro tipo? Non può essere, è una cosa che non funziona. Qualcuno forse vuole impedire che ci sia un accordo? C'è veramente molto stupore", ha sottolineato il ministro degli Esteri Antonio Tajani da Berlino, dove ha incontrato la sua omologa Annalena Baerbock.

La frenata di Roma sul Patto ha spento l'entusiasmo che, di prima mattina, si respirava dalle parti della presidenza di turno Ue detenuta dalla Spagna. Ursula von der Leyen, da Spalato, aveva chiesto espressamente che ci fosse l'intesa in giornata. E al Consiglio Affari Interni di Bruxelles sia la Commissione che il ministro dell'Interno iberico Fernando Grande-Marlaska attendevano l'accordo politico tra i 27. Subito dopo una riunione dei Rappresentanti Permanenti convocata ad hoc avrebbe formalizzato l'approvazione del testo, uno dei principali - e sicuramente il più spigoloso - che compongono il pacchetto legislativo del Patto sui migranti. Nella sessione della riunione dedicata al dossier la tedesca Nancy Faeser, seguendo le istruzioni di Scholz, ha scandito che Berlino "accetta la proposta di compromesso spagnola". Dopo di lei, Polonia e Ungheria hanno invece ribadito la loro contrarietà al testo. Cosa non nuova, ormai diventato un marchio di fabbrica.

L'Italia è rimasta in silenzio. Il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi è intervenuto nella prima parte dell'incontro, dedicata alla dimensione esterna e al Memorandum con la Tunisia. "Abbiamo chiesto più fondi per i rimpatri assistiti", ha spiegato il ministro che, però, nella discussione sul Patto sui migranti, non ha preso parola. Una scelta calcolata? E poco dopo Piantedosi ha lasciato in anticipo la riunione, diretto a Palermo dove ha incontrato i suoi omologhi di Libia e Tunisia. Il Consiglio Affari Interni, saltata l'intesa, è terminato perfino prima del previsto. La commissaria Ylva Johansson e il ministro spagnolo, a microfoni aperti, non hanno puntato il dito contro l'Italia. Si sono detti ottimisti e soddisfatti dei passi avanti fatti, scandendo che non ci sono grandi ostacoli all'intesa, attesa nei prossimi giorni. "Gli eventi di Lampedusa confermano che il Patto sui migranti è una sfida che richiede sforzo, flessibilità, generosità, da parte di tutti", ha però avvertito la presidenza iberica. E a taccuini chiusi, nei corridoi di Bruxelles, l'ottimismo è meno tangibile. L'impressione è che solo un chiarimento 'vis a vis' tra Scholz e Meloni, al vertice di Granada della settimana prossima, potrà sbloccare lo stallo.

Allo stesso tempo fonti italiane hanno precisato che non si tratta di nessun blocco all'accordo, semplicemente il testo va approfondito. Del resto, fino a qualche giorno fa, non era previsto un via libera già questa settimana. E comunque, senza Berlino o Roma, è la convinzione degli ambienti Ue, l'intesa non regge. Entrambe, assieme all'Olanda, sono comunque cruciali per arrivare alla maggioranza qualificata. La tensione tra Germania e Italia sulle Ong non rasserena il clima. E a complicare il quadro c'è anche un dato politico: sia a Berlino che a Roma il governo è nelle mani di tre partiti alleati. Che, non sempre, la vedono allo stesso modo. I fari, ora, sono puntati su Granada e sul Consiglio Affari Interni di Lussemburgo, tra le ultime chiamate per trovare un'intesa entro l'anno. O, come ha avvertito il vicepresidente della Commissione Maragaritis Schinas, "populisti e demagoghi avranno un'arma in più" alle Europee.

Rodolfo Ricci

( 29 settembre 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

A dieci anni dalla scomparsa Milano omaggia Gabriele Basilico, grande protagonista della storia della fotografia italiana

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Un viaggio millenario indietro nel tempo

Il Museo Nazionale Romano ospita la mostra "Dacia. L’ultima frontiera della Romanità"

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Capolavori italiani nella Parigi della Belle Époque

Il Castello di Novara ospita le opere di quei pittori italiani che nella capitale francese avevano deciso di sperimentare la loro attività artistica tra il 1870 e il 1920

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2023 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it