Venerdì 12 aprile 2024, ore 15:55

Riforme 

Autonomia differenziata, coesione sociale la priorità 

Il ddl Calderoli sull'Autonomia differenziata arriva in Aula al Senato ed è subito scontro a Palazzo madama e in piazza. Battaglia storica della Lega, presentato come pilastro del programma di Governo, il provvedimento infiamma il dibattito politico, con le opposizioni che fanno fronte comune e promettono una battaglia senza sconti dentro e fuori i palazzi. Il Pd e i 5s in concomitanza con l'avvio dei lavori chiamano la piazza, con i sindaci del Sud in testa. Manifestazioni in una trentina di città in tutta la penisola, anche davanti alle prefetture al grido di "No alla legge Spacca Italia". Ma il centrodestra tira dritto verso il via libera definitivo, che vorrebbe si concretizzasse già in settimana, e respinge le quattro pregiudiziali presentate da Pd, M5s, Avs e Iv. Esito scontato. Tuttavia anche all'interno dei partiti di maggioranza la tensione sale mentre l'Autonomia differenziata si avvia a grandi passi verso l'approvazione definitiva e in commissione Affari costituzionali si stringono i tempi sul premierato.
Le due riforme incrociano di nuovo in Senato i loro percorsi: la prima sostenuta dalla Lega, che vuole portare a casa maggiore autonomia regionale; la seconda da Fratelli d'Italia che punta all'elezione diretta del premier. Le opposizioni su questa sorta di staffetta continuano a parlare di indecente baratto tra i due partiti. ”Per ottenere l'elezione diretta del presidente del Consiglio, Meloni accetta di votare l'autonomia differenziata della Lega che sfascia il Paese”, accusa il capogruppo del Pd Boccia; gli fanno eco i Cinqustelle: ”Un disastro per la Sanità, una bomba che spaccherà il Paese”. Borghi capogruppo Iv, parla di ”un patto leonino, l'autonomia differenziata deve procedere come pegno da pagarsi al partito del vicepremier Salvini”. La preoccupazione di cristallizzare senza migliorare un'Italia che ha già due velocità serpeggia anche nel centrodestra. tanto che l'azzurro Gasparri assicura: ”Forza Italia garantisce il Sud. La riforma andrà avanti e tutti i livelli di assistenza dovranno essere garantiti per evitare che ci siano Regioni di serie A e B”. Per appianare gli attriti prima di arrivare in Aula è necessario un vertice di maggioranza con il ministro Calderoli, il padre di questa riforma, che alla fine benedice i due emendamenti di modifica FdI con i quali si chiede che una volta che verrà approvato il provvedimento con i Lep, le risorse verranno aumentate anche per le altre Regioni che non hanno chiesto l'Autonomia. E ciò"al fine di scongiurare disparità di trattamento.
L'approdo nell'aula del Senato per l'esame in prima lettura del disegno di legge sull'autonomia differenziata rappresenta soltanto il primo passaggio di una riforma costituzionale complessa e delicata, che richiede un dibattito quanto più possibile ampio e partecipato, anche dalle forze sociali. Il segretario confederale della Cisl Ganga osserva che ”in via prioritaria qualunque processo di riforma deve rafforzare e non indebolire la coesione nazionale assicurando in tal modo diritti di cittadinanza e opportunità in ogni realtà del Paese. Ribadiamo quindi la nostra disponibilità ad un confronto aperto e costruttivo con il Governo e con il Parlamento, per apportare modifiche migliorative al testo attualmente in discussione”. In tal senso ”è opportuno approfittare della finestra temporale offerta dal decreto Milleproroghe, che sposta in avanti di un anno il termine per la definizione dei livelli essenziali della prestazioni, passaggio questo che la Cisl ritiene essenziale per l'attuazione di questa importante riforma. Assicurare livelli uniformi di prestazioni sull'intero territorio nazionale, definiti in base a costi e fabbisogni standard, infatti, è la premessa necessaria per garantire solidarietà e perequazione tra i territori, e tenuta unitaria al nostro sistema istituzionale e democratico”.
Giampiero Guadagni

( 17 gennaio 2024 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Nel “Discorso sul metodo” Cartesio non fissa solo sul modello delle matematiche i principi del conoscere ma anche quelli della morale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un romanzo fatto di antieroi

Marco Lodoli torna in libreria con il suo nuovo attesissimo romanzo. Ambientato in un Liceo di periferia, la storia narra di una bidella che si innamora perdutamente del nuovo professore di Lettere

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Piero della Francesca. Il polittico agostiniano riunito

In mostra al Museo Poldi Pezzoli-Milano, per la prima volta nella storia, otto tavole provenienti da cinque musei internazionali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it