Martedì 28 maggio 2024, ore 12:55

Salario minimo 

Contrattazione, bandiera europea 

Ultimo semaforo verde per la direttiva sul salario minimo in Ue. L’Ecofin ha infatti dato il suo via libera finale, dopo che la direttiva era già stata approvato a settembre in via definitiva anche dal Parlamento europeo. Gli Stati membri hanno due anni per recepirla nel diritto nazionale. Il testo punta a rafforzare il ruolo della contrattazione collettiva, che dovrà arrivare fino all'80%. Non viene invece fissato un salario minimo vero e proprio nell'Ue, e ancor meno un obbligo di introdurlo in Paesi in cui non ci sia già, come l'Italia.
Soddisfatti i sindacati. I segretari confederali di Cgil Cisl e Uil - Re David, Romani e Bocchi - parlano di ”passo in avanti fondamentale, frutto di un lungo percorso durato oltre due anni, una battaglia condotta con caparbietà da tutto il movimento sindacale europeo, che rappresenta un segnale importante e coerente con il Pilastro dei Diritti Sociali con cui l'Europa ha deciso, dopo la stagione più dura del Covid, di ripartire, rinnovando la propria visione della sostenibilità dello sviluppo”. La nuova normativa ”arriva in un momento in cui è quanto mai necessario porre al centro dell'attenzione la questione della povertà, anche nell'ambito del lavoro; un tema reso ancora più cruciale dalla crisi che stiamo vivendo, amplificata dalla guerra”. Secondo Re David, Romani e Bocchi ”il messaggio politico che arriva dall'Ue è forte e chiaro e conferma quanto, da sempre, sostenuto da Cgil, Cisl, Uil, ossia la necessità di rafforzare la contrattazione collettiva in tutti gli stati membri. La Direttiva riconosce che la via della contrattazione, perseguita da sempre dal sindacato italiano, è quella maestra per ottenere condizioni economiche adeguate e diritti per i lavoratori ”. Ora è necessario ”mettere in campo il massimo impegno per migliorare l'efficacia della contrattazione, nazionale e di secondo livello, e per aumentare salari e retribuzioni complessive. In tal senso auspichiamo non solo un rapido recepimento della Direttiva, ma soprattutto un coinvolgimento attivo delle parti sociali, da parte del futuro Governo, nella definizione di iniziative che puntino a rendere la contrattazione sempre più diffusa, efficace e di qualità”.
Grande apprezzamento anche da parte della Ces: ” Gli Stati membri devono ora agire per garantire il riispetto del termine di due anni.” La richiesta è di ”seguire immediatamente l'esempio della Germania aumentando i salari".
Per la Ces ”non ci possono essere festeggiamenti fino a quando questa direttiva non porterà soldi nelle tasche delle persone”.
Giampiero Guadagni

( 5 ottobre 2022 )

La Biblioteca Ambrosiana

Uno scrigno prezioso

Oggi conta circa un milione di volumi a stampa, soprattutto di fondo antico (incunaboli e cinquecentine), e trentacinquemila manoscritti

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il passato remoto è il tempo ideale della narrazione e non a caso nelle coniugazioni verbali greche e latine veniva chiamato “perfetto”

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

L’uomo giusto al momento sbagliato

La storia di Vincenzo Tiberio, il medico italiano che primo fra tutti, nel 1895, quindi 34 anni prima di Alexander Fleming, scoprì l’impor tanza di alcune muffe e sperimentò il loro potere antibiotico

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it