Domenica 19 maggio 2024, ore 3:25

Lavoro 

La Cisl rilancia la Partecipazione 

La situazione di crisi che stiamo vivendo ”è inedita se comparata a quelle del nostro recente passato: crescita debole, investimenti al palo, precarietà del lavoro, inflazione crescente, speculazione sui prezzi dell’energia e beni alimentari, tensioni geopolitiche sfociate in una guerra alle porte dell’Europa. Tutto questo, quando ancira stiamo provando- con esiti incerti – a trarre qualche insegnamento dalla pandemia che ha bloccato l’economia mondiale nel 2020”. Così il segretario generale della Cisl Sbarra per il quale ”le parti sociali devono entrare nelle decisioni strategiche, assumere responsabilità nelle dinamiche di cambiamento con proposte capaci di rafforzare sviluppo, salari, innovazione, partendo dal valore economico e sociale del lavoro”.
In un intervento sul Sole 24 Ore Sbarra afferma: ”Occorre rilanciare la crescita, agevolare la ripartenza degli investimenti pubblici e privati, recuperare produttività per redistribuirla alzando salari e retribuzioni, guardare alla quantità e alla qualità del lavoro, elevando le tutele, estendendo la contrattazione, combattendo precarietà e lavoro nero. Il costo del lavoro non può diventare l'alibi dell'immobilismo regolatorio e contrattuale”. Sbarra lancia una proposta: ”Vogliamo costruire un nuovo protagonismo del mondo del lavoro e delle imprese chiedendo al Governo ed al Parlamento di approvare una norma per il coinvolgimento dei lavoratori alla gestione, ai risultati e alla organizzazione delle aziende. Nelle prossime settimane inizieremo un'articolata campagna nazionale di raccolte firme per una proposta di legge di iniziativa popolare sulla Partecipazione che deve diventare diritto fondamentale dei lavoratori e dei cittadini; leva centrale di un progresso socialmente sostenibile verso una prospettiva di vera democrazia economica”. Spiega Sbarra: ”Con il nostro disegno di legge intendiamo, per la prima volta nella nostra storia legislativa definire e promuovere iniziative contrattuali nazionali e di secondo livello per la partecipazione gestionale, economica, organizzativa e consultiva dei lavoratori”. Il numero uno di Via Po sottolinea che ”la prima tipologia (quella gestionale) concerne la presenza dei dipendenti o di professionisti da loro indicati nei consigli di amministrazione o di sorveglianza; la seconda (economico-finanziaria) regola la compartecipazione ai profitti e ai risultati dell'impresa, compreso l'azionariato; la terza (organizzativa) interessa le modalità' di coinvolgimento dei lavoratori nelle decisioni relative ai miglioramenti organizzativi, di processo e di prodotto; l'ultima (quella consultiva) avviene attraverso il necessario confronto, a monte, con il sindacato sulle decisioni più rilevanti per il futuro dell'azienda. La Cisl intende fare la propria parte per promuovere la crescita della nostra società nel segno della corresponsabilità. Questa è la sfida decisiva di un Patto per un’Italia moderna, produttiva, giusta e sostenibile. Ci auguriamo che i nostri interlocutori sociali, politici, istituzionali vogliano unirsi in questo percorso per coniugare solidarietà, resilienza, produttività, e promuovere così un'evoluzione partecipativa del nostro modello di sviluppo”. La Cisl sostiene questa battaglia da sempre e l’ha rinnovata al suo ultimo congresso. Con la raccolte firme per una proposta di legge di iniziativa popolare ”abbiamo voluto concretizzare ciò che già è presente nella nostra Costituzione (articoli 41 e 46) e rendere modello praticabile per tutti i lavoratori le tante buone esperienze partecipative che contrattiamo ogni giorno e in ogni settore. Con il nostro disegno di legge - conclude Sbarra - intendiamo, per la prima volta nella nostra storia legislativa, definire e promuovere iniziative contrattuali nazionali e di secondo livello per la partecipazione gestionale, economica, organizzativa e consultiva dei lavoratori”.
Giampiero Guadagni

( 8 febbraio 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Copertina dedicata al saggio “Dio, la scienza, le prove. L’alba di una rivoluzione”, scritto da due studiosi, Michel-Yves Bolloré e Olivier Bonassies

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

La scomparsa di Alice Munro

Lo sguardo sulla provincia

Premio Nobel per la letteratura nel 2013 e subito dopo precipitata nell’avverarsi dell’incubo peggiore di chi scrive: la demenza senile

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Intervista

Le sfaccettature dello smart working

A colloquio con Francesco Maria Spanò, saggista ed esperto di tematiche di organizzazione e gestione delle risorse umane

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it