Giovedì 29 febbraio 2024, ore 11:57

Sindacato 

Sbarra: va costruito un nuovo Patto sociale 

Il sindacato ”deve qualificare la sua azione attraverso il dialogo e il confronto, senza pregiudizi e ideologie, con tutti gli interlocutori pubblici e privati”. Così il segretario generale della Cisl Sbarra in una intervista all’agenzia Italpress. Per il numero uno di Via Po ”serve un sindacato di prossimità, che si concentri sul valore della contrattazione collettiva aziendale, un sindacato di cultura partecipativa”. Un sindacato che sappia ”stare dentro il cambiamento rappresentando e intercettando il lavoro nuovo, quello digitale, su piattaforme e da remoto. Aprendosi al contributo dei giovani, delle donne, dei migranti”. Insomma, ”il profilo sindacale da sostenere in questa stagione è quello ancorato a principi di responsabilità, pragmatismo, riformismo sociale, autonomia dalla politica, partecipazione e valorizzazione della contrattazione. È su questo schema che penso che la Cisl abbia costruito la sua linea politica ricercando sempre la via del dialogo e del confronto responsabile, non rinunciando mai al conflitto per utilizzarlo e praticarlo quando serve”. Una risposta agli sciopero indetti da Cgil e Uil. Venerdì quello nelle regioni del Mezzogiorno ha chiuso il ciclo di mobilitazioni contro la manovra economica.
Sottolinea Sbarra: ”Penso sia sbagliato mescolare la rappresentanza sociale con l'opposizione politica. Vedo forte una tendenza in questo Paese non centrata sul modello sindacale che serve all'Italia in questa difficile condizione di cambiamento. C’è un tentativo di restare inchiodati al Novecento in cui, nel rapporto tra capitale e lavoro, viveva uno schema centrato su conflitto, antagonismo, divisione e ideologia”.
Una percezione che evidentemente aleggia nel Paese, o almeno in una parte, visto che in base ad un autorevole sondaggio pubblicato ieri Landini è il possibile futuro leader della sinistra per un italiano su quattro, percentuale che raddoppia tra gli elettori del centrosinistra
Secondo il leader della Cisl ”la mobilitazione generale è sempre l'extrema ratio. Lo sciopero va usato con moderazione perché diversamente il rischio è quello di svilirlo, svalutarlo, indebolirlo dando spazio a demagogia e populismo. È la ragione per la quale - ha continuato - la Cisl, sui contenuti della legge di bilancio ha preferito all'astensione del lavoro chiamare a raccolta le persone in una giornata di sabato per dare un segnale al Governo sulla necessità di miglioramenti. In quel modo non abbiamo creato disagi ai cittadini, non abbiamo caricato di ulteriori sacrifici i lavoratori e abbiamo evitato che le tensioni sociali si riversassero nelle aziende”. Sbarra ribadisce: nella legge di bilancio ”ci sono tante luci ma anche ombre. Per esempio manca un profilo di natura espansiva, anticiclica, che aiuti la crescita e faccia leva sulla ripartenza degli investimenti pubblici e privati. Poi è sbagliata è la stretta ulteriore sulle pensioni, per un Governo che si era dato l'obiettivo di smontare la legge Fornero, che in alcune parti viene peggiorata”. C’è insomma la necessità di ”costruire e negoziare, insieme ai grandi soggetti collettivi, un nuovo e moderno patto sociale che aiuti il Paese a rigenerare il suo potenziale di sviluppo e di crescita”. Oggi si parla molto di intelligenza artificiale e delle trasformazioni del mondo del lavoro. ”L'uomo sarà sempre centrale dentro queste stagioni di trasformazione. Ci sono rischi ma anche straordinarie opportunità”. In questa direzione va l’Assemblea organizzativa della Cisl che si terrà a Roma il 5 e 6 dicembre all'Auditorium del Massimo.e che avrà appunto come titolo: ”Guidiamo il cambiamento”. Il percorso ha coinvolto dal mese di settembre migliaia di iscritti, delegati, quadri e dirigenti di ogni struttura confederale e di categoria. ”È stato un grande momento di mobilitazione e di democrazia associativa, per aggiornare gli strumenti organizzativi adeguandoli ai cambiamenti in atto”, sottolinea la segretaria confederale Fumarola.
Giampiero Guadagni

( 1 dicembre 2023 )

Mostre

La cartografia e la famiglia De Agostini

 Le carte geografiche della De Agostini hanno segnato un’in tera epoca, a cui oggi, nel mondo dominato dalla digitalizzazione e dai satellitari, guardiamo con una certa nostalgia

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Eventi

Torna Milano MuseoCity

Dal primo marzo la manifestazione promossa dal Comune con l’obiettivo di valorizzare gli spazi espositivi della città e del territorio limitrofo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Il capolavoro scomparso

“Il collezionista” è la riprova del talento di Daniel Silva e la conferma che la letteratura di spionaggio costituisce l’unica forma letteraria di rilettura e interpretazione geopolitica di questa epoca

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it