Sabato 19 settembre 2020, ore 4:14

Quotidiano di informazione socio‑economica

Vertenza

ArcelorMittal, piano inaccettabile

di Sara Martano

La vicenda ArcelorMittal si protrae. La prossima settimana ci sarà un nuovo incontro alla presenza anche dell’azienda. Ieri in videoconferenza col Governo c’erano i sindacati ed i commissari straordinari dell’Ilva.
“Al Governo abbiamo chiesto di uscire dal torpore e di mettere in campo azioni e decisioni per far valere gli impegni presi dal Gruppo nell’Accordo del settembre 2018 - afferma il segretario generale aggiunto Cisl, Luigi Sbarra -. Non è più accettabile lo scaricabarile ed il rinvio delle iniziative che riguardano il futuro della produzione di acciaio nel nostro Paese. Le responsabilità del Governo e della proprietà non possono sempre ricadere sulle spalle dei lavoratori. Ci sono relazioni da ricucire - continua Sbarra - ma anche clausole contrattuali da far pesare nel caso malaugurato in cui si dovesse continuare secondo una logica di rapporto di forza. Se l’azienda vuole sfilarsi lo dica e si prepari a pagare penali salate. Noi restiamo all’accordo che impegna la proprietà a esuberi zero, al recupero dei lavoratori in cassa integrazione e in Amministrazione straordinaria, alla tutela piena dei dipendenti dell’indotto e dell’appalto”. E conclude: “Chiediamo all’Esecutivo il massimo impegno per stringere la proprietà alle proprie responsabilità rispetto agli investimenti in materia di sicurezza, sul pieno rispetto della capacità produttiva, sull’aggiornamento e la riqualificazione degli impianti a caldo, sul piano ambientale e il risanamento ecologico. La vertenza sull’ex-Ilva è diventata l’emblema di un Paese che non riesce a trovare la propria bussola industriale. E' tempo di invertire la rotta: Governo e Azienda assicurino continuità occupazionale e produttiva in tutti gli impianti presenti nel Paese per un effettivo rilancio della siderurgia italiana”.
Da parte sua il ministro Patuanelli assicura che “l’accordo del 4 marzo è un accordo di investimento e coinvestimento da parte dello Stato, che vogliamo portare avanti”.
Intanto ieri a Taranto ci sono stati anche momenti di tensione, con vivaci scambi di opinioni, tra i lavoratori di ArcelorMittal in presidio davanti allo stabilimento siderurgico di Taranto per lo sciopero contro il nuovo piano industriale della multinazionale. Si chiedono garanzie sul piano occupazionale. I lavoratori sono stanchi delle promesse fatte e mai mantenute: “Con ArcelorMittal sembrava tutto sistemato - afferma un lavoratore - ma dopo meno di due anni ci ritroviamo con gli stessi problemi, anzi le cose sono peggiorate. Lo stato d’animo? Stando a casa con 800 euro di cassa integrazione cosa dobbiamo dire? Hanno buttato la chiave e non stiamo lavorando più”.
“La realtà - ha evidenziato il segretario generale della Fim, Marco Bentivogli durante la viodeoconferenza - è che con l’introduzione dell’emendamento, con cui si è cancellato
lo scudo penale, è iniziato il disimpegno. L’azienda pagava 1,8 miliardi per acquisire Ilva e ora metterà 500 milioni per una partecipazione di minoranza, magari con il prestito previsto dal dl liquidità. E tutto il resto lo metteranno i contribuenti”.
Secondo ArcelorMittal, l’accordo del 4 marzo fatto con il Governo (e senza il sindacato)
viene rimesso in discussione dalla vicenda Covid. Intanto il piano inviato venerdì è ritenuto inaccettabile e inadeguato sia dal Governo che dai sindacati.
“Il nuovo piano - continua Bentivogli - prevede 3.200 lavoratori in cigs già nel 2020 a cui aggiungere quelli in amministrazione straordinaria. Far slittare dal 2023 al 2025 come traguardo per ambientalizzazione e piena occupazione non solo è inaccettabile ma è anche solo teorico, perché inconsistente sul piano degli investimenti e discutibile dal punto di vista dell’efficacia per il rilancio produttivo”.
“Il Governo - conclude Bentivogli - conferma la disponibilità dello Stato al coinvestimento ma in questo contesto bisogna assolutamente riverificare se esiste un soggetto industriale che si senta ancora impegnato nel rilancio e ambientalizzazione del Gruppo ex-Ilva”.

( 9 giugno 2020 )

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it