Sabato 12 giugno 2021, ore 18:35

Quotidiano di informazione socio‑economica

In primo piano

Sisma L’Aquila, tra ricordi e una ricostruzione a due velocità

I 309 rintocchi, uno per ogni vittima, della campana della Chiesa di Santa Maria del Suffragio, meglio conosciuto come Anime Sante, alle 3 e 32, ora del terremoto del 6 aprile 2009, hanno concluso la notte dedicata alla memoria. A nove anni dalla tragedia dell’Aquila non si sono attenuati dolore e commozione, sentimenti che hanno segnato i cuori fin dalla fiaccolata che, secondo alcune stime, ha richiamato circa 5mila persone. Oggi in città molte le iniziative di commemorazione in un centro storico ancora immerso dai cantieri. Tra ritardi e difficoltà, infatti, i lavori di ricostruzione continuano ad andare a due velocità: una più spedita che riguarda quella degli edifici privati arrivata quasi al termine, l’altra più lenta che interessa invece gli edifici pubblici, in particolare le scuole.

Il costo complessivo della ricostruzione pubblica è di 2 miliardi e 200 milioni di euro, di cui quelli finanziati sono 2 miliardi e quelli effettivamente erogati 1 miliardo e 367 mila euro. Su circa 600 interventi previsti ne sono stati portati a termine meno della metà (284): 11 sono ancora in fase di programmazione, 96 in progettazione, 85 in attuazione e 122 in collaudo.

Interventi importanti che anche i sindacati si augurano che arrivino al più presto visto che c’è ancora molto da fare in particolare nel centro storico come conferma Lucio Girinelli, segretario generale Filca regionale: “La parte esterna della città fuori le mura è quasi completata, mentre nel centro storico c’è ancora un gran bel lavoro da mettere in campo”. 
Il paradosso vuole che nemmeno in questo territorio dove c'è ancora da ricostruire, le problematiche legate al lavoro si fermano. Alcune grandi imprese del territorio, ad esempio, stanno licenziando a causa di due problemi principali, come ci spiega il segretario generale della Filca dell’Aquila Pietro Di Natale: ”Il primo è legato al ritardo nei pagamenti, l’altro invece alla lentezza nell’autorizzazione dei progetti”. 

Leggi l’articolo completo di Sara Martano domani su E-dicola Conquiste Tabloid

( 6 aprile 2018 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La notte è l’incubatrice dell’evoluzione antropologica. Come tale, acquisisce preminenza sulle modalità dell’articolazione umana in parallelo allo sviluppo tecnico e al mutamento dei costumi

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Maria Teresa l'Imperatrice

Una donna straordinaria

Una figura che ha segnato profondamente il suo secolo e ha lasciato importanti tracce non solo a Vienna, dove visse, ma in tutti i Paesi europei che ha governato. Maria Theresia Walburga Christina Amalia, nata nel 1717, figlia dell’Imperatore Carlo VI, salì al trono degli Asburgo, prima e unica donna, nel 1740, a soli 23 anni, e vi rimase fino alla morte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Zia Mame

Zelig al femminile

Sarebbe interessante indagare il motivo per cui un romanzo come "Zia Mame" sia riuscito a scalare la classifica dei libri più venduti in Italia sino alla prima posizione a averla mantenuta per quasi una intera estate alcuni anni fa. In un Paese, dove, occorre ricordarlo, la gente legge pochissimo, i più non comprano ormai nemmeno il giornale figurarsi se gli viene in mente di ficcare il naso dentro una libreria

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it