Giovedì 27 febbraio 2020, ore 8:34

Quotidiano di informazione socio‑economica

Industria

ArcelorMittal, sindacati: azienda versa in stato di confusione

Inaccettabile per Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil l'atteggiamento assunto da ArcelorMittal Italia "che continua a non affrontare le problematiche dei reparti attualmente fermi dimostrando ancora una volta lo stato di confusione in cui versa l'azienda". I sindacati contestano ArcelorMittal per il fatto che ha rinviato l'incontro programmato per oggi per discutere dei problemi del reparto Produzione lamiere 2 "pochi minuti dopo" l'orario di convocazione della riunione. Le sigle metalmeccaniche chiedono ad ArcelorMittal "di riprogrammare nell'immediato un incontro per affrontare le tante problematiche esistenti nel reparto". E non c'è ancora una data di convocazione in merito alla richiesta che gli stessi sindacati hanno inoltrato qualche giorno fa ad ArcelorMittal per discutere dell'assetto di marcia del siderurgico di Taranto. Infatti, ora che l'ostacolo dello spegnimento dell'altoforno 2 è stato superato col Tribunale del Riesame di Taranto che ha accolto il ricorso di Ilva contro un precedente provvedimento negativo del 10 dicembre del giudice Francesco Maccagnano, Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil chiedono di incontrare ArcelorMittal - gestore della fabbrica mentre Ilva resta

proprietaria -. In particolare, i sindacati metalmeccanici chiedono "un incontro urgente per conoscere nel dettaglio il piano di assetto di marcia dello stabilimento siderurgico". "Riteniamo fondamentale - hanno scritto le sigle sindacali ad ArcelorMittal - avviare un confronto per conoscere nello specifico le scelte aziendali sia dal punto di vista della capacità produttiva che della conseguente ripartenza attualmente fermi". Da rilevare che dopo la mancata proroga all'Ilva per gli ulteriori lavori di messa in sicurezza da parte del giudice Maccagnano, l'altoforno 2 - uno dei tre attualmente operativi nello stabilimento - è stato messo in regime minimo di marcia, mantenuto con un livello adeguato termico e preparato alla fermata e spegnimento cosi' come previsto dal cronoprogramma predisposto dal custode giudiziario dell'area a caldo, Barbara Valenzano.

( 13 gennaio 2020 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it