Sabato 12 giugno 2021, ore 19:18

Quotidiano di informazione socio‑economica

Contratti 

Lavanderie industriali, siglato il rinnovo per circa 20mila lavoratori 

Siglato il rinnovo del contratto per gli addetti del settore lavanderie industriali che coinvolge circa 20 mila lavoratori e più di 1.200 imprese.
Soddisfazione è sta espressa su twitter dalla segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan: “Il nuovo anno si apre con la firma del contratto nazionale delle lavanderie industriali, circa 20 mila lavoratori che avranno ora nuove tutele salariali e normative. È una bella notizia per il mondo del lavoro. Complimenti alla Femca Cisl e agli altri sindacati di categoria. Rinnovare tutti i contratti scaduti resta una priorità per la Cisl e per tutto il sindacato nei prossimi mesi”.
L’intesa, sottoscritta tra Assosistema-Confindustria e i sindacati di categoria Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec-Uil, prevede un aumento medio sui minimi di 63 euro (cat B1). L’aumento sarà così distribuito: per il settore sanitario le tranche saranno 25 euro da marzo 2021, 25 euro da marzo 2022, 13 euro da agosto 2022; per il settore del turismo le tranche saranno 20 euro da settembre 2021, 15 euro da marzo 2022, 15 euro da agosto 2022, 13 euro da dicembre 2022.
Aumentato l'elemento perequativo, per le aziende che non effettuano la contrattazione di secondo livello, che passerà a 230 euro nel 2022 e a 260 euro nel 2023.
Per quanto riguarda la parte normativa, nel contratto vengono migliorati gli articoli sul sistema delle relazioni industriali inserendo linee guida sulla partecipazione dei lavoratori e rafforzando il ruolo dell’osservatorio nazionale dell’ente bilaterale Ebli che, nel corso di vigenza contrattuale, dovrà: sviluppare ed integrare un nuovo sistema di inquadramento e valorizzare comportamenti organizzativi; approfondire la disciplina sull’orario di lavoro ed adeguarlo al settore; realizzare uno studio sulla reperibilità.
Inoltre, nell’intesa vengono rafforzate le norme a contrasto del dumping contrattuale e della speculazione sul passaggio degli appalti.
Nell’accordo viene aumentata la percentuale di part-time dal 10% al 12%, viene aumentata di tre mesi l’aspettativa retribuita a carico dell'azienda, oltre quella prevista dall’Inps, per le vittime di violenza di genere. Innalzata a due le possibilità di anticipo tfr, viene normata la “stagionalità” del settore turismo con accordi aziendali, vengono inserite le linee guida sulla responsabilità sociale di impresa e, infine, vengono inserite le linee guida sulla contrattazione di secondo livello.
L'intesa raggiunta sarà subito sottoposta alle assemblee dei lavoratori per la loro valutazione dell’esito della trattativa.
“Il rinnovo di questo contratto rappresenta una forte risposta al periodo di grave crisi provocata dal Covid - afferma Nora Garofalo, segretaria generale Femca Cisl -. Nel settore delle lavanderie, in particolare, esiste una palese differenza tra chi ha continuato a lavorare, e mi riferisco alle lavanderie del settore sanitario, e chi invece ha visto letteralmente azzerare l’attività, come quelle del settore turistico. Grazie all’ottimo sistema di relazioni industriali siamo riusciti a ottenere un risultato davvero positivo, visto che all’interno del contratto c’erano condizioni economiche diverse”.
“L’accordo - continua Garofalo - ha fatto sì che si trovassero delle soluzioni affinché alla scadenza del contratto i lavoratori dei vari settori mantenessero gli stessi minimi contrattuali. Un risultato ottenuto grazie alla solidità delle relazioni industriali con la controparte Assosistema, caratterizzate da buon senso e da responsabilità. Una sinergia già dimostrata nei mesi più difficili della pandemia, durante i quali abbiamo chiesto congiuntamente al Governo interventi ad hoc per il settore. Il proficuo gioco di squadra tra tutti i soggetti interessati - conclude Garofalo - resta la base per limitare i danni della pandemia e per rimettere in moto l’economia nazionale”.

( 7 gennaio 2021 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La notte è l’incubatrice dell’evoluzione antropologica. Come tale, acquisisce preminenza sulle modalità dell’articolazione umana in parallelo allo sviluppo tecnico e al mutamento dei costumi

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Maria Teresa l'Imperatrice

Una donna straordinaria

Una figura che ha segnato profondamente il suo secolo e ha lasciato importanti tracce non solo a Vienna, dove visse, ma in tutti i Paesi europei che ha governato. Maria Theresia Walburga Christina Amalia, nata nel 1717, figlia dell’Imperatore Carlo VI, salì al trono degli Asburgo, prima e unica donna, nel 1740, a soli 23 anni, e vi rimase fino alla morte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Zia Mame

Zelig al femminile

Sarebbe interessante indagare il motivo per cui un romanzo come "Zia Mame" sia riuscito a scalare la classifica dei libri più venduti in Italia sino alla prima posizione a averla mantenuta per quasi una intera estate alcuni anni fa. In un Paese, dove, occorre ricordarlo, la gente legge pochissimo, i più non comprano ormai nemmeno il giornale figurarsi se gli viene in mente di ficcare il naso dentro una libreria

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it